Infarto, un ospedale su due non rispetta i criteri del Ministero: le strutture più virtuose a Parma e Napoli

Lunedì 20 Febbraio 2017

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute per il trattamento degli infarti. Solo il 51% raggiunge infatti i 100 casi l'anno di infarto miocardico acuto di primo ricovero. Il dato emerge da un'indagine di Doveecomemicuro.it, motore di ricerca che raccoglie i dati di oltre 2.000 tra strutture ospedaliere pubbliche e private accreditate e territoriali. «Ormai sono numerose le prove in letteratura - afferma Elena Azzolini, specialista in Sanità pubblica e membro del comitato scientifico del portale Doveecomemicuro.it - che confermano come per molte condizioni cliniche e interventi esista un'associazione tra il volume di attività e l'esito delle cure, in particolar modo in termini di mortalità intra-ospedaliera o a 30 giorni dal ricovero/intervento».
 

 

Secondo i dati, «la mortalità a 30 giorni si riduce all'aumentare dei volumi di attività ovvero, nell'ambito cardiovascolare, maggiore è il numero di ricoveri per infarto miocardico acuto o di interventi di bypass aorto-coronarico che una struttura esegue - spiega - più alto è il grado di esperienza e la qualità dell'assistenza offerta». Per quanto riguarda l' infarto miocardico acuto - secondo l'analisi di Doveecomemicuro.it - le strutture più virtuose sono principalmente al Nord (45%), seguono il Sud e le Isole (34%) e il Centro Italia (21%). In particolare si distinguono l'Emilia Romagna, con l'ospedale di Parma e l'Arcispedale Sant'Anna (Cona), e la Campania, con l'ospedale Cardarelli di Napoli.

Considerando la minore mortalità a 30 giorni dal ricovero nel rispetto dei volumi, ecco la classifica stilata da Doveecomemicuro.it: al primo posto l'ospedale Civile di Guastalla (Emilia Romagna), seguito dallo Stabilimento San Bartolomeo di Sarzana (Liguria), l'ospedale di Bentivoglio (Emilia Romagna), l'ospedale Civile San Giovanni di Dio - Frattamaggiore, Napoli (Campania) e l'ospedale Santa Croce - Castelnuovo Garfagnana, Lucca (Toscana). Prendendo in esame gli interventi di by pass aorto-coronarico la situazione peggiora: il 76% delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate non rispetta i volumi minimi (200 interventi l'anno). A eseguire più operazioni di by-pass sono il San Giovanni di Dio e Ruggi a Salerno (Campania), l'ospedale Borgo Trento a Verona (Veneto), la casa di cura Sant'Anna Hospital di Catanzaro (Calabria). A vantare il minor tasso di mortalità sono Città di Lecce Hospital (Puglia), ospedale di Parma (Emilia Romagna), ospedale Mazzini di Teramo (Abruzzo), casa di cura Sant'Anna Hospital a Catanzaro (Calabria) e Fondazione Gabriele Monasterio, Pisa (Toscana).

Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio, 09:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma