Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ictus, scoperto dispositivo che media la memoria: potrebbe prevenire amnesie e riattivare ricordi

Ictus, scoperto dispositivo che media la memoria: potrebbe prevenire le amnesie e riattivare i ricordi
2 Minuti di Lettura
Martedì 6 Agosto 2019, 14:16 - Ultimo aggiornamento: 14:18

Un gruppo di ricercatori delle Università di Padova, Harvard e Northwestern University di Chicago sono riusciti a mappare gli effetti funzionali di ictus che causano amnesia dimostrando che nell'essere umano la memoria è mediata dall'intervento di un particolare circuito. La ricerca, pubblicata sulla prestigiosa rivista 'Nature' si è basata sugli studi di neuroimaging su pazienti colpiti da ictus.



«Immagini di ictus con diagnosi di amnesia post ictus o almeno con deficit di memoria documentato sono state importate elettronicamente in un atlante che contiene 1000 soggetti normali», ha detto  Maurizio Corbetta, direttore della Clinica Neurologica e del Neuroscience Center dell'Università di Padova .

«Se ripetiamo questa operazione per ogni lesione - spiega Corbetta - otterremo una mappa di connessioni alterate, o disconnettoma, nei nostri pazienti con problemi di memoria. Anche se le lesioni erano localizzate in parti diverse - continua Corbetta - abbiamo visto che esse appaiono disconnettere funzionalmente lo stesso circuito funzionale. Una regione corticale in particolare, la regione 'retrosplenialè localizzata posteriormente, profondamente, e lungo la linea mediana appare essere l' 'hub' della memoria dove molti segnali convergono».

Dal punto di vista clinico questo studio potrebbe risultare potenzialmente molto importante sia per predire gli effetti di lesioni sulla memoria che per provare a riattivare le memorie con tecniche di neuro-stimolazione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA