Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gravidanza, se la madre è stressata è più probabile che nasca una femmina: la risposta sta negli embrioni

Gravidanza, se la madre è stressata ci sono più possibilità che nasca una bambina. La risposta sta negli embrioni
2 Minuti di Lettura
Martedì 22 Ottobre 2019, 10:12 - Ultimo aggiornamento: 10:21

Se la gravidanza è particolarmente complicata, è probabile che il fiocco sarà rosa. Non si tratta di una credenza popolare ma la scoperta è il risultato di una ricerca realizzata dalla Columbia University e pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas). Secondo i ricercatori il fenomeno si spiegherebbe a livello embrionale: gli embrioni maschi sarebbero più sensibili allo stress ambientale, mentre quelli femminili sarebbero più resistenti. Dunque, se la gestante è particolarmente stressata, ci sono più possibilità che nasca una bambina.

LEGGI ANCHE Fecondazione eterologa in Italia a rischio dal 29 aprile: appello al ministero della Salute

Il risultato è emerso da uno studio condotto su un gruppo di 187 donne incinte, di età compresa tra i 18 ai 45 anni. Il 17% di loro soffriva di stress psicologico (ansia e depressione in particolare) e il 16% di stress fisico, con ipertensione o apporto calorico giornaliero molto elevato. La maggioranza, il 67%, si sentiva rilassato. Tutte le donne visitate durante i 9 mesi hanno poi riempito un questionario con 27 indicatori e sono state intervistate nuovamente dopo il parto. Si è osservato che le donne con stress fisico hanno avuto 4 maschi per 9 femmine nate. Ma anche le donne con stress psicologico hanno partorito 2 maschi ogni 3 femmine, un numero assai alto rispetto alla media nazionale.

LEGGI ANCHE Grecia, donna incinta grazie a embrione con tre genitori

Catherine Monk, coordinatrice della ricerca, spiega che «L'utero materno è il primo ambiente condizionante. Ha la stessa importanza di quello in cui il figlio sarà allevato in futuro». «È stato evidenziato che nelle catastrofi storiche», continua la scienziata, «come gli attentati terroristici dell'11 settembre, il numero di nati maschi è diminuito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA