DIETA

Dieta, scoperte le cellule che dicono quanto si mangia

Mercoledì 10 Giugno 2020

Scoperte le cellule che dicono ai neuroni ciò che si mangia. Sono i taniciti, cellule della glia, che controllano nel cervello i livelli di energia e che rilevano i nutrienti degli alimenti. A individuarle è una ricerca dell'Università di Warwick che hanno notato come proprio queste cellule vengano selettivamente stimolate quando aumenta l'appetito. Nel lavoro pubblicato sulla rivista Pnas i ricercatori raccontano di come queste cellule si trovino nel centro del cervello e rivestono uno dei venticoli, uno spazio pieno di liquido.

Coronavirus, anticorpi sintetici anti Covid funzionano. Novelli: «Via ai contatti per produrre dosi»
Cancro ai polmoni, con nuovo farmaco cala dell'80% rischio di recidiva o morte
Tumore al seno, algoritmo individuerà la cura su misura. «Rivelato il rischio metastasi»

Sta a loro "assaggiare" i nutrienti proprio del liquido cerebrospinale che si trova all'interno, la cui qualità cambia a seconda di ciò che è stato mangiato. Gli studiosi inglesi sono stati in grado di dimostrare come la stimolazione di queste cellule arrivi a modificare il comportamento alimentare. «I taniciti rispondono ai nutrienti che segnalano l'effetto della sazietà, quindi ci aspetteremmo che quando i taniciti sono stimolati si mangerebbe di meno, ma sorprendentemente abbiamo scoperto che in realtà si mangia di più - spiega Nicholas Dale, ricercatore dell'Università di Warwick che ha condotto lo studio - Abbiamo stabilito un legame tra i taniciti e l'assunzione di cibo, ma non capiamo ancora come possano contribuire al controllo del peso corporeo a lungo termine»

© RIPRODUZIONE RISERVATA