Depressione post-parto, allarme dei pediatri: spesso colpisce anche il padre

Giovedì 9 Gennaio 2020
La depressione post-parto non colpisce solo le madri. A segnalare il fenomeno dei padri depressi è l'American Academy of Pediatrics (Accademia dei pediatri americani), che sulla rivista ufficiale “Pediatrics” chiede alla sanità statunitense di monitorare sistematicamente le condizioni psicologiche dei neo-papà, così come già si fa con le mamme. Le linee guida dell’American Academy of Pediatrics e della U.S. Preventive Services Task Force raccomandano ai pediatri di approfittare delle visite periodiche che si fanno nei primi mesi di vita ai neonati per individuare eventuali segnali di depressione post partum da parte di mamma o papà.
 
«La depressione nei neopapà è un problema troppo spesso trascurato», osserva l’autrice principale dell’articolo,Tova Walsh, docente presso la University of Wisconsin-Madison. «Anche se molti nuovi padri manifestano sintomi depressivi, pochi sanno come identificare i segni o parlare delle loro difficoltà».
 
Non esistono dati precisi, ma si stima che a soffrirne di depressione post partum sia una percentuale di  compresa tra il 2% e il 25% dei padri.
 Non esistono peraltro criteri diagnostici specifici per individuare la patologia sugli uomini.  «La depressione spesso appare in maniera differente nei padri rispetto alle madri» segnala Walsh. «Oltre ai sintomi come tristezza persistente, perdita di interesse in attività che prima erano divertenti e difficoltà a mangiare e dormire, non vanno trascurati comportamenti come l’iperattività lavorativa o la tendenza a bere di più». È raro che un padre depresso chieda aiuto a uno specialista, anche perché raramente si ha la consapevolezza di essere affetti da un disturbo nervoso.

Insomma «è tempo di concentrarsi sulla depressione perinatale in pediatria per includere anche i padri», e i pediatri autori della ricerca consigliano ai colleghi di dare informazioni ai neogenitori sulla depressione post partum paterna ed eventualmente inviare il papà da uno specialista.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma