Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terza ondata Covid, Gimbe: «È arrivata, nell'ultima settimana casi in aumento del 33%»

Terza ondata Covid, Gimbe: «È arrivata, nell'ultima settimana casi in aumento del 33%»
1 Minuto di Lettura
Giovedì 4 Marzo 2021, 12:57 - Ultimo aggiornamento: 13:22

Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe rileva nella settimana dal 24 febbraio a 2 marzo «un aumento del 33% dei casi» e «numeri in crescita sul fronte di ospedali e terapie intensive» a fronte della «vertiginosa accelerazione impressa dalle varianti, si continua a temporeggiare inutilmente nell'istituire zone rosse locali». «Già da settimane segnaliamo le spie rosse di un'aumentata circolazione del virus - avverte Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - la cui forte accelerazione sta di fatto avviando la terza ondata. Ma i tempi di politica e burocrazia sono sempre troppo lunghi e le zone rosse locali arrivano quando la situazione ormai è sfuggita di mano». «Il primo Dpcm a firma Draghi non segna affatto il cambio di passo auspicato: il sistema delle Regioni a colori resta di fatto immutato, così come le misure per la maggior parte delle attività produttive e commerciali. E a pagare il conto più salato, come sempre, è la scuola», avverte Gimbe. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA