CORONAVIRUS

Coronavirus, alto rischio di ictus nei giovani: preoccupa studio del Policlinico di New York

Lunedì 27 Aprile 2020
video

Coronavirus. Mentre l'Italia si avvia verso la Fase 2 di questo lockdown, gli studi sul coronavirus e le implicazioni ad esso collegate proseguono. Dal Mount Sinai Beth Israel Hospital di Manhattan arriva uno studio che mette in relazione l'infezione da Covid-19 con l'ictus. La notizia è stata riportata dal Washington Post in un articolo in cui si cita la situazione dell'ospedale in questione, con il personale medico e sanitario quasi completamente impegnato nella cura di pazienti positivi al virus colpiti da ictus.

Leggi anche: >> COME UCCIDERE IL CORONAVIRUS IN 15 MINUTI, LA SPERANZA PER TUTTI

Le notizie di ictus nei giovani e nella mezza età - spiega lo studio pubblicato dal Wp - sono l'ultima svolta nella nostra comprensione in evoluzione della malattia che causa. Il numero di persone colpite è piccolo ma comunque notevole perché sfidano il modo in cui i medici comprendono il virus. Anche se ha infettato quasi 2,8 milioni di persone in tutto il mondo e ucciso circa 195.000 a partire da venerdì, i suoi meccanismi biologici continuano a eludere le migliori menti scientifiche. Prima si pensava che fosse un patogeno che attacca principalmente i polmoni, poi si è rivelato essere un nemico molto più formidabile - che colpisce quasi tutti i principali sistemi di organi del corpo. Fino a poco tempo fa, c'erano pochi dati concreti su colpi e covid-19.

Rezza (Iss): “Test sierologico non conferisce patentino di immunità”

C'era un rapporto su Wuhan, in Cina, che mostrava che alcuni pazienti ricoverati avevano subito ictus, molti dei quali erano gravemente malati e anziani. Ma il collegamento è stato considerato più come "un sospetto clinico". Ora per la prima volta, tre grandi centri medici statunitensi si stanno preparando a pubblicare dati sul fenomeno dell'ictus. Esistono solo poche decine di casi per posizione, ma forniscono nuove informazioni su ciò che il virus fa ai nostri corpi. Il coronavirus distrugge i polmoni. Ma i medici stanno trovando il suo danno nei reni, nel cuore e altrove.

Un ictus, che è un'interruzione improvvisa dell'afflusso di sangue, è un problema complesso. Può essere causato da problemi cardiaci, arterie ostruite a causa del colesterolo, persino dall'abuso di sostanze. I mini-colpi spesso non causano danni permanenti e possono risolversi da soli entro 24 ore. Ma quelli più grandi possono essere catastrofici. Le analisi suggeriscono che i pazienti con coronavirus stanno vivendo principalmente il tipo più mortale di ictus. Conosciute come occlusioni di grandi vasi o LVO, possono cancellare grandi parti del cervello responsabili del movimento, della parola e del processo decisionale in un colpo solo perché si trovano nelle principali arterie che forniscono sangue.

Molti ricercatori sospettano che l'ictus nei pazienti covidi-19 possa essere una conseguenza diretta di problemi di sangue che stanno producendo coaguli in tutto il corpo di alcune persone. I coaguli che si formano sulle pareti del corpo e volano verso l'alto. Uno che è iniziato nei polpacci potrebbe migrare verso i polmoni, causando un blocco chiamato embolia polmonare che arresta la respirazione, una causa nota di morte nei pazienti covidi-19. I coaguli dentro o vicino al cuore potrebbero portare a un attacco di cuore, un'altra causa comune di morte. Qualsiasi cosa sopra che probabilmente andrebbe al cervello, portando a un ictus. Robert Stevens, un medico di terapia intensiva presso il Johns Hopkins Hospital di Baltimora, ha definito gli ictus "una delle manifestazioni più drammatiche" dei problemi della coagulazione del sangue. 

Ultimo aggiornamento: 22:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA