CORONAVIRUS

Ragazzo muore per una nuova malattia infiammatoria legata al virus e simile alla Kawasaki

Martedì 12 Maggio 2020
Ragazzo muore per una nuova malattia infiammatoria legata al virus e simile alla Kawasaki

Un ragazzo di 14 anni, che non aveva patologie pregresse, è morto per una nuova malattia infiammatoria legata al coronavirus che somiglia alla Kawasaki. Il ragazzo è morto all'ospedale pediatrico Evelina di Londra dove più di 40 bambini sono stati ora curati per la malattia "iperinfiammatoria" dopo aver potenzialmente contratto il Covid-19, riporta Mirror. Dei primi otto bambini, dai quattro ai 14 anni, che sono stati trattati - per sette è stato necessario l'uso di un ventilatore. Il quattordicenne è risultato successivamente positivo al coronavirus.

Coronavirus a New York, morti tre bambini per rara infiammazione

Sindrome di Kawasaki, morto bambino di 5 anni affetto dalla malattia potenzialmente legata al Covid19

Bimba di 10 anni sopravvive a Kawasaki e coronavirus. «Era gravissiima, così l'abbiamo salvata al Salesi di Ancona»

I medici che hanno scoperto la malattia all'ospedale pediatrico di Evelina London affermano che è simile alla malattia di Kawasaki, una rara malattia infiammatoria che colpisce principalmente i bambini di età inferiore ai cinque anni. Può causare alte temperature, gonfiore e eruzioni cutanee rosse e richiede un trattamento ospedaliero immediato. Gli ospedali a livello nazionale sono stati avvisati di ciò che gli esperti descrivono come un "nuovo fenomeno" legato al coronavirus.  Sara Hanna, direttrice medica di Evelina, ha dichiarato: «Probabilmente abbiamo visto il primo caso a metà marzo».

Sindrome di Kawasaki, il pediatra: «Terapia efficace entro 10 giorni»

«Abbiamo avuto un bambino ricoverato con qualcosa di molto simile a Kawasaki - racconta la dottoressa - un po come qualcosa che chiamiamo sindrome da shock tossico. Nelle ultime due settimane abbiamo visto questo gruppo di bambini con sindromi che assomigliano molto a Kawasaki. Hanno la febbre alta e persistente, hanno gli occhi rossi, hanno un'eruzione cutanea, hanno mani e piedi gonfi».

I medici hanno affermato che gli esami del sangue non sono risultati positivi per il virus nei bambini, ma altri indicatori erano «notevolmente simili» a quelli osservati negli adulti con Covid-19. Anticorpi che indicano la guarigione da Covid-19 sono stati successivamente trovati in circa la metà dei bambini. Un articolo sulla rivista medica The Lancet rivelava che i primi otto casi di malattia all'Evelina riguardavano bambini dai quattro ai 14 anni. Due sono risultati positivi al coronavirus, incluso il quattordicenne morto, e quattro provenivano da famiglie con un membro della famiglia contagiato e sotto osservazione. Diversi bambini si stanno ancora riprendendo in ospedale e alcuni sono stati dimessi, ma casi simili sono stati segnalati anche al Great Ormond Street Hospital. 

 

Ultimo aggiornamento: 16:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA