Cancro, rischio ridotto con 30 minuti di attività fisica al giorno

Lunedì 22 Giugno 2020 di Carla Massi

Basta mezz'ora. Bastano trenta minuti in ventiquattro ore per ridurre il rischio cancro. In Italia ogni giorno duecento neoplasie potrebbero essere evitate facendo regolarmente attività fisica. La sedentarietà è un pericoloso nemico sottovalutato. Provoca il 20% di tutti i tumori come fa sapere la Fondazione Insieme contro il cancro.

Bambina con tumore osseo, crescerà grazie a un chiodo allungabile: è la prima volta al mondo

Sostituire trenta minuti di sedentarietà con attività di livello da lieve a moderato (camminata a passo rapido come l'acqua gym), riduce il rischio di morte per tumori dall'8% al 31%. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sulla rivista Jama Oncology e condotto da Susan Gilchrist, del Anderson Cancer Center presso la University of Texas.

Tumore del rene: diminuiscono i casi grazie agli uomini che fumano di meno

«Si tratta del primo studio che mostra in via definitiva una forte associazione tra sedentarietà e mortalità per tumore - afferma Susan Gilchrist - Lo studio ha coinvolto ottomila persone sane il cui livello giornaliero di attività fisica è stato tracciato per sette giorni consecutivi tra 2009 e 2013. Dopo un monitoraggio di 5 anni, i ricercatori hanno calcolato che i più sedentari hanno un rischio di morire per un tumore dell'82% maggiore rispetto ai meno sedentari, anche una volta considerati fattori che possono influire come l'età, il sesso e lo stato di salute generale». 

«Numerosi studi hanno dimostrato l'efficacia dello sport nell'evitare diverse neoplasie molto diffuse come quella al seno, al colo o al polmone - spiega Francesco Cognetti presidente della Fondazione Insieme contro il cancro - Attualmente solo un italiano su quattro pratica attività fisica in maniera continuativa mentre il 39 per cento risulta del tutto inattivo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA