Calvizie, la causa è nella mutazione genetica di una proteina

Giovedì 21 Novembre 2019
Perdita capelli, trovata la mutazione genetica all'origine della calvizie: «Possibile arrivare a una terapia»

Per la perdita dei capelli un «taglia e cuci» d'un genoma potrebbe essere la soluzione. È stata scoperta infatti la mutazione genetica alla base della calvizie ereditaria: la chiave è nel gene che produce la proteina Map2, considerata un vero e proprio architetto dei capelli. Lo hanno scoperto nei maiali i ricercatori della China Agricultural University, il cui studio è pubblicato sul Faseb journal. Gli studiosi, guidati da Xiangdong Ding, hanno selezionato due gruppi (adulti e neonati) tra maiali normali e senza peli. La scelta di questi animali è stata fatta per la loro somiglianza biologica con l'essere umano. Il primo passo è stato esaminare le differenze tra i follicoli piliferi e la pelle dei due gruppi di maiali, scoprendo così che la densità del follicolo nei maiali normali era molto maggiore rispetto a quella degli animali pelati.

Leggi anche Uomini attenzione ai capelli: se lavorate troppo resterete calvi, lo dice la scienza

Dopo di che, attraverso il sequenziamento ed esperimenti molecolari, la ricerca ha messo in evidenza le differenze tra i due gruppi, arrivando a individuare la proteina Map2 come fattore chiave della calvizie, e una sua mutazione che porta ad una riduzione della densità del follicolo allo stadio embrionale, e quindi a follicoli non formati normalmente. «Pensiamo sia la prima volta che questa proteina venga associata alla formazione del follicolo - commenta Ding - Con ulteriori studi in futuro si potrebbe arrivare ad una possibile terapia per le malattie ereditarie dei capelli attraverso il taglia e cuci del genoma».
 


 

Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 15:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma