Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il caldo eccessivo «può causare infertilità negli uomini o tumore al testicolo». Ecco come per proteggersi

Secondo un nuovo studio dell'Università di Padova, l'innalzamento della temperatura altera la produzione di spermatozoi

Caldo eccessivo «mette a rischio la fertilità degli uomini» e può causare il tumore: ecco come per proteggersi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 18:11

Il caldo eccessivo mette a rischio la fertilità degli uomini. Lo afferma uno studio dell'univeristà di Padova, che evidenzia come l'innalzamento della temperatura altera la produzione di spermatozoi e può provocare anche lo sviluppo di un tumore al testicolo.

La ricerca

I ricercatori dell'Università di Padova hanno scoperto che il caldo è in grado di alterare il gene E2F1, che regola la divisione cellulare ed è coinvolto nella produzione degli spermatozoi. Le alterazioni di questo gene possono predisporre all'infertilità, all’anomala discesa del testicolo alla nascita (criptorchidismo) o persino al tumore del testicolo. Lo studio sperimentale svolto a Padova ha dimostrato che l’espressione di questo gene viene influenzata dall’aumento della temperatura.

Il caldo "debilita" gli spermatozoi  

Non è un caso, scrivono i ricercatori, che i testicoli si trovino "al di fuori" del resto del corpo (nello scroto, che ha una temperatura di due gradi inferiore al resto del corpo). È infatti dimostrato che la produzione di sperma si riduce all'innalzarsi della temperatura:  già 27 gradi di media nelle 24 ore possono causare danni alla produzione. E infatti nel 2015 negli Stati Uniti fu dimostrato che dopo un'ondata di calore ci fu un decremento delle nascite del 2,6% (107.000 bambini in meno). Problemi di fertilità sono stata infatti riscontrati in chi soffre di varicocele, obesità, o in chi è costretto durante il lavoro ad esposizione a fonti di calore o persino nelle saune.

Tumore al testicolo è collegato al cambiamento climatico?

Come spiega Carlo Foresta, coordinatore dello studio "i risultati delle nostre ricerche inducono anche a ipotizzare che l’aumento del tumore del testicolo e la riduzione sempre più evidente di spermatozoi degli uomini possa essere associata anche ad un incremento della temperatura, anche quella ambientale, che potrebbe agire proprio stimolando l’espressione di questo gene”. 

 

I consigli: dalla doccia fredda agli abiti traspiranti

La Fondazione Foresta, gruppo di sanitari per la prevenzione delle patologie legare al sistema endocrino e riproduttivo ha ideato un vademecum per proteggersi dai rischi del caldo, rivolto in particolare a chi per lavoro o altre ragioni è esposto a fonti di calore (cuochi o operai). Fare lavaggi con acqua fresca, indossare indumenti intimi in fibre naturali che fanno traspirare il calore; ridurre o ancor meglio eliminare alcol e fumo che notoriamente cambiano la temperatura corporea; mantenere una idratazione costante e ridurre la temperatura corporea sostando in zone fresche o tramite docce fredde nel corso della giornata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA