Bere caffè riduce del 20% il rischio di malattia al fegato, lo studio britannico

Bere caffè riduce del 20% il rischio di malattia al fegato. Lo studio
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Giugno 2021, 10:49

Bere caffè aiuta, anche al fegato. Di quanto? Circa del 20%. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista BMC Public Health dal prof. Paul Roderick dell'Università di Southampton, uno dei coautori della ricerca. Che non è la prima a mostrare gli effetti benefici della bevanda stimolante. Già in passato alcune ricerche avevano indicato come aiutava a ridurre il rischio di cancro al fegato, ma diminuiva anche i pericoli connessi alle malattie legate al fegato legate all'abuso di alcol. Ora, però, si sono scoperti gli effetti positivi sulle malattie al fegato. Tra queste l'insufficienza epatica cronica: uno dei problemi di salute più ricorrenti nel mondo. Secondo il British Liver Trust, la malattia è la terza causa di morte prematura nel Regno Unito, dove i decessi sono aumentati del 400% nel 1970.

Dieta dell'estate: come perdere 5 kg in 7 giorni e ritrovare (subito) la forma costume

Benefici caffè, lo studio

Alla ricerca hanno partecipato 494.585, con un'età compresa tra 40 e 69 anni. Di questi, 384.818 hanno dichiarato di essere bevitori di caffè, mentre 109.767 non avevano consumato la bevanda. Gli esperti hanno tenuto sotto controllo la salute del loro fegato per un periodo di quasi 11 anni. Il risultato è stato: 3.600 casi di malattia epatica cronica, con 301 decessi e 1.839 casi di semplice malattia del fegato grasso.

Chi ha sviluppato una malattia

L'analisi ha rivelato che dopo aver preso in considerazione fattori come l'indice di massa corporea, il consumo di alcol e il fumo, coloro che bevevano qualsiasi quantità di caffè, e di qualsiasi tipo, avevano un rischio inferiore del 20% di sviluppare malattie croniche del fegato o malattie del fegato grasso rispetto a quelli che non lo hanno consumato. I bevitori di caffè avevano anche un rischio inferiore del 49% di morire per malattie croniche del fegato.

Quante tazzine?

In base agli studi condotti, il team di ricerca ha constatato che l'entità dell'effetto aumenta con la quantità di caffè consumata. Se ne possono bere fino a circa tre o quattro tazze al giorno, dopodiché «ulteriori aumenti del consumo non hanno fornito alcun beneficio aggiuntivo».

Quali tipi di miscela

La riduzione del rischio è stata riscontrata anche con caffè solubile, decaffeinato e macinato, sebbene quest'ultimo fosse legato all'effetto maggiore. «Tuttavia, è importante che le persone migliorino la salute del fegato non solo bevendo caffè – ha detto Vanessa Hebditch, del British Liver Trust –. Ma anche riducendo l'alcol e mantenendo un peso sano facendo esercizio e mangiando bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA