Vaccino, ordinanza Figliuolo: dosi avanzate a fine giornata a chi è disponibile

Vaccino, arriva l'ordinanza di Figliuolo che permette di iniettare le dosi avanzate a fine giornata
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Marzo 2021, 13:10 - Ultimo aggiornamento: 16:23

È stata firmata l'ordinanza che permette di iniettare le dosi di vaccino avanzate a fine giornata.  Le dosi di vaccino anti-Covid «eventualmente residue a fine giornata, qualora non conservabili, siano eccezionalmente somministrate per ottimizzare l'impiego evitando sprechi, in favore di soggetti comunque disponibili al momento, secondo l'ordine di priorità individuato dal Piano nazionale e le successive Raccomandazioni».

Vaccino, dosi residue a fine giornata a chi è disponibile: Figliuolo firma l'ordinanza

È quanto prevede un' ordinanza della Presidenza del Consiglio, firmata dal commissario straordinario per l'emergenza Covid Paolo Figliuolo.

Un'ordinanza anti spreco, insomma, che dà l'idea di quanto sia importante continuare la campagna vaccinale per raggiungere l'obiettivo dell'immunità di gregge. 

Il sistema di massimo utilizzo delle dosi a disposizione dell'Italia è un meccanismo condiviso. Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani si preoccupa già delle tante rinunce che potrebbero fioccare in queste ore e nei prossimi giorni. «Ho la sensazione che quando si ripartirà» con la campagna di vaccinazione con Astrazeneca «vi sarà un numero di rinunce che potrebbe rendere disponibili molte dosi, non per colpa dei cittadini ma complice quello che è avvenuto. Quindi dovremo trovare un metodo organizzativo per poterle somministrare». Lo ha detto il presidente della Toscana, Eugenio Giani, a margine di una conferenza stampa a Firenze. Sulla vaccinazione «noi continuiamo con il metodo che ci siamo dati», ma «ho la sensazione che forse bisognerà procedere con l'attivazione e le telefonate a coloro che non hanno avuto il vaccino, ma che in quel momento hanno la possibilità in tempi rapidi di poterne avere la disponibilità perché qualcuno ha rinunciato». Per Giani è importante ampliare la categoria di coloro che possono vaccinarsi «per garantire una maggiore domanda in modo che possa coprire l'offerta».

«Non è possibile sprecare milioni di dosi di vaccino AstraZeneca quando i benefici della protezione sono così evidenti e i danni non ci sono o sono limitati a pochissimi casi. Se i vaccini già pronti non li vuole nessuno fatelo a me. Io mi offro volontario», dice il primo cittadino di Fucecchio Alessio Spinelli. «Noi sindaci siamo sempre in prima linea - riprende il primo cittadino - e sui nostri territori siamo responsabili della salute pubblica, della protezione civile e della sicurezza; stiamo tra la gente tutto il giorno ma nessuno fino ad oggi ha mai proposto di vaccinarci. Visto che si rischia di buttare via milioni di dosi propongo di usarle per noi sindaci, o almeno per chi la pensa come me. Almeno una piccola parte eviteremo di sprecarla e avremo protetto una categoria a rischio di contagio». 

Astrazeneca, il premier della Thailandia si vaccina per rassicurare la popolazione

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA