Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tumore colon, nuovo farmaco lo elimina in tutti i pazienti curati (e senza bisogno di chemio)

Un totale di 12 pazienti hanno completato il trattamento con Dostarlimab, un anticorpo monoclonale

Tumore colon, nuovo farmaco in grado di curare senza bisogno di chemio. «Una rivoluzione»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Giugno 2022, 19:30 - Ultimo aggiornamento: 9 Giugno, 11:05

Nuova cura contro il tumore al colon. A 12 persone è stato somministrato un nuovo farmaco, un anticorpo monoclonale (si chiama Dostarlimab) e la lesione tumorale è scomparsa. E senza necessità di altre terapie (chemio, radio, chirurgia), che erano previste ma sono state evitate: perché non c’era più motivo di eseguirle. Non c'è stato inoltre nessun effetto collaterale grave. Lo studio è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Tumore seno, anticorpo "coniugato" più efficace della chemioterapia: nei casi gravi aumenta la sopravvivenza

Tumore colon, l'anticorpo monoclonale che può rivoluzionare la terapia

Il nuovo farmaco, un anticorpo monoclonale che si chiama Dostarlimab, può essere una vera speranza per il futuro ma il risultato ottenuto è davvero importante. Anche se la chemioterapia neoadiuvante e la radioterapia seguite dalla resezione chirurgica del retto sono un trattamento standard per il cancro del retto localmente avanzato. 

Tumori seno, colon e utero: nel Lazio controlli in un click, le prenotazioni in farmacia

Lo studio

I ricercatori hanno avviato uno studio prospettico di fase 2 in cui il dostarlimab in monoterapia, un anticorpo monoclonale anti-PD-1, è stato somministrato ogni 3 settimane per 6 mesi in pazienti con adenocarcinoma rettale di stadio II o III con deficit di riparazione del disadattamento. Questo trattamento doveva essere seguito da chemioradioterapia e chirurgia standard. I pazienti che hanno avuto una risposta clinica completa dopo il completamento della terapia con dostarlimab avrebbero proceduto senza chemioradioterapia e chirurgia. Ma non c'è stato bisogno di effettuarle.

 

I risultati

Un totale di 12 pazienti hanno completato il trattamento con dostarlimab e sono stati sottoposti ad almeno 6 mesi di follow-up. Tutti i 12 pazienti (100%; intervallo di confidenza al 95%, da 74 a 100) hanno avuto una risposta clinica completa, senza evidenza di tumore alla risonanza magnetica, 18 tomografia a emissione di positroni F-fluorodeossiglucosio, valutazione endoscopica, esame rettale digitale o biopsia. Al momento della presente relazione, nessun paziente era stato sottoposto a chemioradioterapia o sottoposto a intervento chirurgico e durante il follow-up non erano stati segnalati casi di progressione o recidiva (intervallo da 6 a 25 mesi). Non sono stati segnalati eventi avversi di grado 3 o superiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA