​Covid 19, il vapore delle sigarette elettroniche non trasmette il virus

Sabato 2 Maggio 2020
Covid 19, il vapore delle sigarette elettroniche non trasmette il virus

Centinaia le telefonate arrivate al centralino dell’ANPVU (Associazione Nazionale per i Vapers Uniti) di utilizzatori di vaporizzatori personali (sigarette elettroniche) che chiedono delucidazioni su vapore emesso dalle e-cig e diffusione del virus. Ha fatto chiarezza il professor Fabio Beatrice, direttore del Centro antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino, uno dei maggiori esperti nazionali sull’argomento. Tutti gli studi fino ad oggi pubblicati suggeriscono che il COVID-19 viene trasmesso principalmente attraverso le goccioline respiratorie (droplets) di persona infetta a distanza ravvicinata a seguito di un colpo di tosse o di uno starnuto o parlando. Più raro il contagio attraverso le superfici infette (Cheng et al., 2020; Lewis, 2020; Schwartz, 2020).

Spiega Fabio Beatrice: “Si è già espresso sull’argomento il professore emerito Neal Benowitz del Centre for Tobacco Control Research and Education dell’ University of California di San Francisco, che ha spiegato come le sigarette elettroniche presentino alcun rischio di diffondere il virus a meno che non si sia positivi e si tossisca mentre si esala il vapore. Va precisato inoltre che ciò che viene espirato dalle sigarette elettroniche non è saliva ma vapore, glicole propilenico, glicerina e sostanze chimiche aromatizzanti in cui possono essere presenti particelle microscopiche di saliva in quantità così trascurabili da non poter ragionevolmente veicolare il virus. Uno svapatore positivo al Covid-19 non può essere considerato un vettore del virus a meno che non tossisca nel momento esatto in cui espira il vapore”.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani