Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mangiare mirtilli aiuta il cuore, bastano 100 grammi al giorno: ecco la scoperta che lo conferma

Mangiare mirtilli aiuta il cuore, bastano 100 grammi al giorno: ecco la scoperta che lo conferma
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Marzo 2022, 10:30 - Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 07:40

I mirtilli fanno bene al cuore. Secondo uno studio, mangiare mirtilli rossi ogni giorno sarebbe essere la chiave per un cuore sano. Le persone che hanno consumato l'equivalente di 100 g di frutta acida al giorno hanno visto segni significativi di miglioramento della funzione cardiaca dopo un mese. A lungo gli scienziati hanno attribuito ai mirtilli proprietà benefiche. Studi precedenti avevano dimostrato che possono aiutare a prevenire le infezioni del tratto urinario e possono ridurre il rischio di malattie gengivali, ulcere allo stomaco e cancro. I medici consigliano di mangiarli crudi o frullati invece che consumarli sotto forma di succo, spesso carico di zuccheri. Per questo studio, i ricercatori guidati dal King's College di Londra hanno monitorato 45 uomini di età compresa tra 18 e 45 anni per un mese per vedere come il frutto ha influenzato la loro pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e le arterie.

Infarto, quando è più pericoloso: se il sintomo maggiore è il fiato corto, il rischio di morte aumenta del 20%

Ai partecipanti è stata somministrata una polvere di mirtillo rosso intero equivalente a 100 g di mirtilli freschi al giorno. Il risultato? Chi ha seguito la dieta, ha visto le sue arterie allargarsi dell'1,1% dopo un mese, un segno chiave di miglioramento del flusso sanguigno. Quando le arterie si restringono, infatti, il flusso sanguigno che arriva al cuore diminuisce, innescando una serie di problemi di salute che possono portare anche all’infarto. Mentre non ci sono stati miglioramenti alla frequenza cardiaca, alla pressione sanguigna, al colesterolo o ai livelli di zucchero nel sangue. Il professor Christian Heiss, un esperto cardiovascolare della Surrey University che è stato coinvolto nello studio, ha dichiarato: «I nostri risultati forniscono prove solide che i mirtilli rossi possono influenzare significativamente la salute vascolare anche nelle persone a basso rischio. Questo studio indica inoltre che specifici metaboliti presenti nel sangue dopo il consumo di mirtillo rosso sono correlati agli effetti benefici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA