Doppia mascherina, tra moda e consigli degli esperti: ma protegge di più contro il virus?

Doppia mascherina, tra moda e consigli degli esperti: ma protegge di più contro il virus?
di Raffaele Alliegro
4 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Gennaio 2021, 12:09 - Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio, 09:41

All'inizio era soltanto una moda. Poi l'uso è stato consigliato da Anthony Fauci, il virologo che ora è consigliere medico del presidente Biden. Così molti hanno iniziato a utilizzarle per proteggersi con più efficacia dal virus. La doppia mascherina è sempre più diffusa negli Stati Uniti e in Europa. Nelle ultime settimane sia Biden che Kamala Harris sono stati spesso fotografati con la mascherina bianca che spunta sotto quella di stoffa nera. E lo stesso è avvenuto per Amanda Gorman, la giovane poetessa afroamericana che ha incantato il mondo con la sua poesia all'insediamento di Joe Biden.

Mascherine, dalle N95 a quelle “a mutanda”: quali scegliere

Funziona?

Dunque la domanda è: l'uso della doppia mascherina protegge dal virus in modo più efficace? Risponde Roberto Cauda, professore ordinario di Malattie infettive al Policlinico Gemelli di Roma: «È chiaro che un doppio strato può rafforzare la protezione e può essere usato soprattutto in alcune situazioni di maggiore rischio. Ma ci sono già le mascherine Ffp2 che assicurano un altissimo livello protettivo. Allora, ragionevolmente, chi non trova le Ffp2 può indossare assieme sia le chirurgiche che quelle di stoffa. Ma attenzione: non vorrei, per assurdo, che l'idea della maggiore efficacia delle due mascherine porti a non utilizzarne neanche una pensando che la singola non basti. La mascherina è fondamentale. Io, personalmente, ne uso soltanto una. Per strada indosso quella chirurgica. Nei luoghi più a rischio utilizzo la Ffp2. Diciamo che, in quest'ultimo caso, se non abbiamo la Ffp2 possiamo ricorrere al doppio strato».

Immunità Covid, positivi ma senza anticorpi: da cosa dipende? 

Le tipologie

Ormai tutti sappiamo quali sono i diversi tipi di mascherine. Le protezioni sono sostanzialmente tre. La prima è la mascherina chirurgica, quella più comune, che ha un prezzo calmierato di 50 centesimi e un effetto di filtro maggiore verso l'esterno: più basso per chi le indossa ma alto per gli altri. Se tutti la utilizzano diventa uno strumento efficacissimo. Poi abbiamo le Ffp2 che hanno un potere filtrante fino al 92% sia verso l'esterno che verso l'interno e vengono di solito utilizzate nelle situazioni “a rischio”: ambienti chiusi, ospedali e in generale quando si vuole essere più sicuri. Infine ci sono le mascherine del tipo Ffp3 che hanno una capacità filtrante del 98% (e le N95 e Kn95 fino al 95%).

È vero che in alcuni casi la doppia mascherina viene utilizzata più per esigenze estetiche che sanitarie, coprendo quella chirurgica o la Ffp2 con una protezione di stoffa che ha un marchio personalizzato o si intona al vestito. Ma l'efficacia contro il virus ha una sua evidenza logica, ha spiegato Anthony Fauci alla Nbc: «Se hai una copertura con uno strato e ne metti un altro è logico che probabilmente sarà più efficace, questo è il motivo per cui si vedono persone che hanno la doppia mascherina». La Cnn ha ricordato che anche Linsey Marr, professore di ingegneria ambientale, uno dei massimi esperti americani nella trasmissione dei virus tramite aerosol, e Monica Gandhi, professoressa all'Ucsf San Francisco General Hospital, hanno suggerito l'uso della doppia mascherina, cioè di «una maschera di stoffa stretta sopra una maschera chirurgica, con la seconda che funge da filtro e la prima che fornisce un'ulteriore protezione migliorando la vestibilità». Gli stessi funzionari della sanità pubblica Usa, ha riportato la Cnn, ormai suggeriscono la doppia mascherina per aumentare il livello di protezione contro il coronavirus e le sue varianti più contagiose.

Come indossarle

Le mascherine, quindi, sono un'arma fondamentale contro la pandemia. Spiega Cauda: «Non sono una corazza impenetrabile, ma è indispensabile utilizzarle. Certo, le Ffp2 assicurano una capacità filtrante maggiore rispetto alle chirurgiche. Ma nelle zone in cui tutti portano le chirurgiche il contagio si riduce. Inoltre, non bisogna dimenticare che questo tipo di protezione da solo non basta se non si rispettano anche gli altri parametri di sicurezza: mantenere il distanziamento, lavare le mani. Infine, non è sufficiente mettere la mascherina, va anche indossata bene. Tenetela aderente al viso. Cambiatela con frequenza. E coprite il naso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA