Corre 196 volte la maratona: una in ogni nazione riconosciuta dall'Onu, ecco perché Nick Butter l'ha fatto

Mercoledì 13 Novembre 2019 di Giampiero Valenza
«Un messaggio di pace, ma soprattutto per raccogliere fondi per il tumore alla prostata. Per questo motivo un atleta britannico ha fatto una prestazione sportiva da record: è la prima persona al mondo ad aver corso una maratona in tutti i 196 Paesi riconosciuti dall'Onu. 

Il protagonista è il trentenne Nick Butter, un maratoneta da quando aveva 11 anni. La sua ultima tappa del tour mondiale è stata in Grecia, lì dove, secondo la tradizione, tutto inizò nel 490 avanti Cristo, grazie a Filippide che per portare la notizia della vittoria sui Persiani ad Atene, corse dalla città di Maratona.





In totale con queste sue partecipazioni, per la Prostate Cancer Uk (l'organizzazione che nel Regno Unito si occupa di lotta contro il tumore alla prostata) ha raccolto 65mila sterline (circa 75.000 euro).   

L'idea è nata quando Butter ha incontrato un uomo durante una gara nel deserto del Sahara a cui era stato diagnosticato un cancro alla prostata e che era allo stadio terminale. 

Tra i diversi visti e timbri vari è arrivato a riempire 10 passaporti: a volte tornava a casa nel Regno Unito per sole 24 ore per ritirare i nuovi visti.

"Sono stato morso da un cane, sono stato rapinato, sono stato derubato con un coltello, sono stato messo in cella. Ho corso con un migliaio di persone in El Salvador e ho corso intorno ai vulcani in eruzione", ha detto alla Cnn. Non sono mancate le corse nei paesaggi mozzafiato delle isole incontaminate del Pacifico, ma anche quelle nei luoghi più strani (una delle maratone l'ha corsa su e giù per una pista di un aeroporto).  Ultimo aggiornamento: 21:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma