Green pass, Ricciardi: «Rilasciarlo dopo due dosi non dopo una. Tutti i Paesi facciano come la Francia»

Green pass, Ricciardi: «Rilasciarlo dopo due dosi non dopo una. Tutti i Paesi facciano come la Francia»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Luglio 2021, 15:39

La Francia è un esempio da seguire, se formalizzerà l'obbligo di esibizione del Green pass per l'accesso a locali ed eventi, sarà giusto. Questo in sintesi il pensiero di Walter Ricciardi, il consigliere del ministro della Salute
Roberto Speranza. 

Green pass, Ricciardi: «La Francia sia d'esempio»

 

«Il green pass aveva dato risultati positivi già a Israele con la variante Alfa, che è molto meno contagiosa, ed è quindi auspicabile che tutti i Paesi adottino questa strada per incentivare le vaccinazioni e incentivare una circolazione soltanto da parte di persone protette che quindi non trasmettono la malattia». Lo ha affermato a RaiNews 24 Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza. Una nuova ondata, ha spiegato, «può essere evitata soltanto se si prendono misure drastiche perchè la variante Delta è contagiosissima ed ha un indice medio di riproduzione di 7: ciò significa che ogni persona mediamente ne contagia altre 7». Se questo avviene in un luogo chiuso, ha concluso, «è sicuro che si creino focolai epidemici». 

«Se i contagi aumentano e poi a settembre-ottobre, quando ci ritroveremo di più negli ambienti chiusi, partiamo da una circolazione del virus molto alta, avremo problemi con la riapertura delle scuole e delle fabbriche. Per cui non possiamo rilassarci adesso per poi aumentare la guardia ad ottobre ma dobbiamo continuare a rispettare le misure: allentare le misure di sicurezza in questo momento è assolutamente imprudente», ha detto Ricciardi. In Gran Bretagna, ha spiegato «c'è un aumento dei caso senza un aumento dei ricoveri, che comunque non è un fatto positivo e necessita di assoluta attenzione proprio per la grande contagiosità della variante Delta». Da qui il monito a «stare attenti: dobbiamo vaccinare e anche se aumenteranno i casi, perchè i casi aumenteranno, io credo tuttavia che non avranno un impatto sul sistema sanitario perchè fortunatamente - ha precisato Ricciardi - noi abbiamo vaccinato moltissime persone vulnerabili anche se non tutte. Credo che il sistema sanitario sarà in grado di reggere». Ricciardi ha quindi fatto riferimento agli operatori scolastici: «Vanno vaccinati. In Francia c'è l'obbligo anche per loro perchè tutto il personale sanitario e sociale che è a contatto con il pubblico - ha detto - deve essere assolutamente vaccinato».

Obbligo del Green Pass anche in Italia? Salvini incontra Draghi: «No al modello francese»

Variante Delta diretta: in Catalogna 100mila casi in 3 settimane. Ecco dove tornano i divieti e le restrizioni in pubblico

«Il Green pass deve essere rilasciato dopo le due dosi di vaccino anti Covid». Quella Italiana, con il rilascio già alla prima inoculazione, «è una anomalia che deve essere corretta», ha detto Ricciardi che è anche docente di Igiene all'università Cattolica di Roma. «Il Green pass deve essere rilasciato, come in tutti gli altri Paesi europei, dopo il completamento del ciclo vaccinale, o dopo l'accertamento della guarigione da Covid naturale o dalla certezza assoluta della negatività - sostiene Ricciardi - È chiaro che, per quanto riguarda la vaccinazione, deve essere completata per poter avere la certificazione. Non basta la vaccinazione parziale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA