Farmaci salva-vacanze: ecco quali mettere in valigia

Mercoledì 19 Giugno 2019 di Valentina Arcovio
Farmaci salva-vacanze: ecco quali mettere in valigia
Va bene aspettare le vacanze estive con ottimismo. Ma per prepararsi al meglio bisogna pensare anche alle situazioni più difficili. Infatti, qualsiasi meta si abbia in programma - mare o mantagna, città o campagna - è importante non dimenticare di mettere in valigia quelli che possiamo chiamare «farmaci salva-vacanza», quelli con il bollino rosso per cui non è necessaria la prescrizione medica.

Oltre a portare con sé le medicine che eventualmente si stanno già prendendo, come ad esempio quelle per la pressione, per precauzione è sempre bene avere con sé una sorta di «kit di automedicazione» a cui ricorre in caso di bisogno. Dai farmaci antiemetici, per chi soffre di mal d'auto o mal di mare, a lozioni emollienti, farmaci antipruriginosi e antinfiammatori locali per affrontare eventuali scottature o eritemi, molto comuni in estate.

LA POMATA
Allo stesso tempo, può far comodo avere a portata di mano creme a base di antistaminici o di corticosteroidi nell'eventualità di dover affrontare punture di insetto, insidia che in vacanza è più frequente di quanto si pensi. Così come può essere d'aiuto mettere in valigia qualche analgesico, per alleviare un improvviso mal di testa, o pomate anti-infiammatorie contro piccoli traumi in seguito a una caduta, magari durante una partita di beach volley. E poi farmaci anti-diarroici contro uno dei disturbi che più comunemente colpiscono i turisti.

La lista completa dei «farmaci salva-vacanza» la si può trovare sul sito semplicementesalute.federchimica.it, curato da Assosalute, l'Associazione Nazionale farmaci di automedicazione. Ma per vivere in sicurezza e tranquillità in vacanza non basta semplicemente fare incetta di medicine da buttare a casaccio in valigia. Bisogna innanzitutto saperle usare correttamente e fare attenzione a come si trasportano e conservano. Va ricordato che si tratta di medicine indicate solo per disturbi lievi e passeggeri, quindi da utilizzare solo per poco tempo e seguendo attentamente le istruzioni del foglietto illustrativo.

L'abuso può creare infatti problemi anche gravi. È inoltre raccomandabile verificare con il proprio medico se e quali di questi farmaci possono essere assunti in contemporanea con altri che si stanno già prendendo. In vacanza non ci sono deroghe neanche alle tradizionali regole da seguire per la conservazione dei farmaci, che possono variare da prodotto a prodotto.

LA CONFEZIONE
Bisogna quindi fare affidamento a quanto scritto nel foglietto bugiardino. In generale, mai lasciare i farmaci in automobile sotto al sole o in luoghi troppo umidi, evitando in questo modo di alterarne le caratteristiche. A riguardo è utile ricordare che se il farmaco è disponibile in diverse formulazione, è meglio optare per quelle solide, meno sensibili alle alte temperature. Altra regola che vale sempre, ma ancor di più quando si è in vacanza, è di non buttare o sostituire la confezione originale. In aereo tenerli nel bagaglio a mano.
La confezione aiuta a rendere sempre riconoscibile un farmaco: riporta la data di scadenza e conservandola siamo certi di non perdere il foglietto illustrativo, fonte preziosa di informazioni.
Valentina Arcovio
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare da soli? “Un sacco bello”. Anche senza andare in Polonia

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma