Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Domenica 12 maggio, Festa della mamma, torna l'Azalea della Ricerca: i fondi per i tumori femminili

Domenica 12 maggio, Festa della mamma, torna l'Azalea della Ricerca: i fondi per i tumori femminili
1 Minuto di Lettura
Giovedì 9 Maggio 2019, 17:44

 Domenica 12 maggio, in occasione della Festa della Mamma, torna in tutta Italia L'Azalea della Ricerca di Fondazione Airc (airc.it), fiore simbolo della battaglia contro i tumori femminili. La pianta colorerà 3700 piazze grazie a oltre 20mila volontari. A fronte di una donazione di 15 euro, insieme a ogni piantina verrà consegnata una Guida con informazioni sui più recenti progressi della ricerca, commenti degli esperti e indicazioni sull'importanza di adottare abitudini e comportamenti salutari.

Nell'ultimo triennio, spiega il comunicato della Fondazione, Airc ha messo a disposizione dei ricercatori più di 32 milioni di euro per studi sulla prevenzione, la diagnosi e la cura del cancro al seno e agli organi riproduttivi. Un impegno straordinario per affrontare queste neoplasie che solamente lo scorso anno in Italia si stima abbiano colpito 68.300 donne. A rappresentare i circa 5.000 scienziati AIRC nell'immagine della campagna Carlotta Giorgi, ricercatrice presso il Dipartimento di morfologia, chirurgia e medicina sperimentale dell'Università di Ferrarae mamma di cinque figli. Giorgi guida un gruppo tutto al femminile che lavora sulla comprensione dei meccanismi regolatori che agiscono sulla moltiplicazione delle cellule tumorali: «Grazie al fondamentale sostegno di Airc, con il mio gruppo stiamo studiando il ruolo della 'proteina-frenò PML nel microambiente attorno al tumore dove si trovano le cellule del sistema immunitario, con l'obiettivo di identificare una terapia combinata che renda il tumore sensibile ai farmaci chemioterapici e meno capace di crescere, e che riattivi anche la piena risposta immunitaria
».

© RIPRODUZIONE RISERVATA