Veneto chiude i centri tampone ai no vax: «Testiamo solo chi ha sintomi»

Provvedimento nelle Asl di Venezia, Padona e Verona

Covid, Veneto chiude i centri tampone ai no vax: «Testiamo solo chi ha sintomi»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Dicembre 2021, 13:20 - Ultimo aggiornamento: 21:30

Con le misure che scatteranno il 6 dicembre la vita di un no vax diventerà più dura, e in Veneto ancora di più. La regione governata da Luca Zaia ha deciso di chiudere i propri centri tampone ai no vax, e quindi testerà solamente le persone che presentano sintomi di infezione da Covid-19.  Una stretta mirata, insomma, dichiaratamente contro i tamponi Covid "non diagnostici", e quindi contro quei test a pagamento nei Covid point delle Ulss (le Aziende Socio Sanitarie Locali venete) richiesti soprattutto dai non vaccinati per avere i green pass a tempo.

La nuova ondata del virus, e quella dell'influenza stagionale, sta mettendo a dura prova strutture sanitarie ed ospedali ed il personale della sanità dev'essere concentrato soprattutto nella campagna vaccinale, per la terza dose. Così, ad iniziare dall'Ulss Euganea di Padova - riferisce il Corriere Veneto - nei Covid point pubblici è comparsa l'indicazione «Test riservato a chi ha sintomi». I tamponi potranno essere effettuati perciò solo dai pazienti sintomatici, o dai loro contatti, che ne hanno diritto gratuitamente.

Le prenotazioni dei tamponi a pagamento proseguiranno fino a soddisfare solo le persone che si erano messe in lista fino al 28 novembre scorso. Decisione analoga, con la chiusura di circa metà dei centri tampone ai test a pagamento, anche per l'Ulss Serenissima di Venezia, e dell'Ulss Scaligera di Verona, che a sua volta riserverà l'accesso ai tamponi ai cittadini che ne hanno diritto gratuitamente, non a pagamento. Una modifica che recepisce le linee di azione indicate dalla Regione in questa nuova fase, con l'indicazione ai direttori sanitari di rivedere l'offerta di prestazioni, «rivedendo i piani aziendali di recupero delle liste d'attesa» e concentrando l'impiego del personale nelle attività di contrasto alla pandemia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA