CORONAVIRUS

Coronavirus, pulizie a casa: disinfettare anche maniglie, cellulari e telecomandi

Domenica 29 Marzo 2020 di Carla Massi
Fuori casa indossare la mascherina e i guanti, tenere con le persone almeno un metro di distanza, evitare qualsiasi tipo di assembramento. Una volta rientrati lavare bene le mani con il detergente. Toccare il meno possibile mani, naso e occhi, facili vie d’accesso per il virus. E queste, sono le regole per fuori. Ormai, con ogni probabilità, ben assorbite. E tutto sommato, seguite, se ci guardiamo intorno le poche volte che ci capita di varcare il portone.

Ma, dentro casa? Le pulizie “normali”, avvertono gli specialisti, potrebbero non bastare. Così, mano a mano che i giorni di isolamento vanno avanti, vengono aggiornati anche i consigli per rendere gli spazi dove viviamo sempre più sicuri. Almeno quelli che condividiamo con genitori, figli, nonni e tutti gli abitanti dell’appartamento. Senza, ovviamente, precipitare nelle ossessioni. Molte abitudini cambiano, molte si abbandonano temporaneamente e tante altre devono entrare nel nostro quotidiano. Come pulire tutti giorni il cellulare, la tastiera del computer, il telecomando il volante e il cambio della macchina (chi prende l’auto)ma anche il joystik del video gioco. E attenzione alle maniglie, le manopole della macchina per cucinare, la porta del frigo e corrimano Tutti quei micro posti della casa dove la maggior parte degli abitanti posano le mani. Un lavorone, certo, ma sarebbe meglio farlo. Senza mai dimenticare di detergere le mani impiegando dai 40 ai 60 secondi. Per i bambini prendere il tempo potrebbe essere un buon gioco.

Gli esperti del gruppo di Studio nazionale inquinamento indoor dell’Istituto superiore di sanità (salute.gov.it/) hanno messo a punto un vademecum per difendersi dal virus negli ambienti chiusi. Prima regola:un buon ricambio dell’aria delle stanze, aprendo più volte al giorno le finestre. Sappiamo che la trasmissione avviene quasi esclusivamente attraverso il contatto stretto con una persona malata o con un portatore sano del virus, quindi è meglio areare sempre bene ogni stanza. Dall’aria al pavimento. O tutto quello che è possibile lavare(le mani sempre coperte dai guanti) con alcol al 70%, come consiglia l’Istituto di sanità, o un mix di una parte di candeggina e 4 di acqua. Ma, attenzione, mai mischiare candeggina e ammoniaca!
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani