COVID

AstraZeneca sospeso in Italia, Rezza: «Fiducia per seconda dose in tempi previsti». Giovedì riunione Ema

Lunedì 15 Marzo 2021
AstraZeneca sospeso in Italia, lo stop Aifa: «Presto indicazioni a chi ha già avuto prima dose»

Lo stop è «precauzionale e temporaneo». L'Agenzia italiana del farmaco motiva così la sospensione del vaccino AstraZeneca Covid-19 in tutta Italia. Una decisione presa «in attesa dei pronunciamenti dell'EMA» e «in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei», spiega Aifa. L'Ema terrà una riunione straordinaria giovedì.

Ulteriori approfondimenti sono attualmente in corso. L'Aifa, rende noto la stessa Agenzia, «in coordinamento con EMA e gli altri Paesi europei, valuterà congiuntamente tutti gli eventi che sono stati segnalati a seguito della vaccinazione. Il comitato per la farmacovigilanza dell'Ema tornerà a riunirsi domani per raccogliere le ultime informazioni circa i casi di eventi tromboembolici sospetti segnalati dopo la vaccinazione con il vaccino di AstraZeneca. Gli esperti Ue potrebbero anche non arrivare a un risultato domani, ma risposte definitive sono attese in settimana, precisano le stesse fonti.

L'Agenzia del farmaco comunica inoltre che renderà nota tempestivamente ogni ulteriore informazione che dovesse rendersi disponibile, «incluse le ulteriori modalità di completamento del ciclo vaccinale per coloro che hanno già ricevuto la prima dose». Quali conseguenze avrà lo stop al siero anglo-svedese sulla campagna vaccinale? E cosa succede con gli appuntamenti già fissati?

 

Rezza: confidiamo in seconda dose in tempi previsti

«Le scelte compiute e condivise oggi dai principali Paesi europei su Astrazeneca sono state assunte esclusivamente in via precauzionale in attesa della prossima decisiva riunione di Ema. Abbiamo fiducia che già nelle prossime ore l'agenzia europea possa chiarire definitivamente la questione», afferma il Ministro della Salute, Roberto Speranza.

L'Ema «si riunirà a breve per chiarire ogni dubbio in modo da poter ripartire al più presto e in completa sicurezza con il vaccino AstraZeneca nella campagna vaccinale. Confidiamo, perciò, che chi ha ricevuto la prima dose riceverà la seconda nei tempi previsti», rassicura il direttore Prevenzione del ministro della Salute, Gianni Rezza. Finora, rileva, «in Italia sono state somministrate quasi 7 mln di dosi. La sorveglianza Aifa e del nostro Servizio Sanitario ha registrato limitatissimi eventi avversi gravi. La sospensione temporanea per AstraZeneca è stata decisa in via solo precauzionale in accordo con Germania e Francia». 

Video

 

Magrini: vaccino sicuro

«C'è stata una sospensione perché diversi paesi europei, tra cui Germania e Francia, hanno preferito sospendere in presenza di alcuni recentissimi e pochissimi casi di eventi avversi in donne e giovani, e ciò ha suggerito uno stop di verifiche prima di ripartire. A giorni attendiamo EMA e poi vedremo meglio i numeri che saranno analizzati nei prossimi giorni», ha detto a  Radio Capital il direttore generale dell'Aifa Nicola Magrini, che ha aggiunto: «Chi ha già fatto il vaccino può e deve restare sicuro. Io mi sento di dire il vaccino è sicuro, anche avendo rivisto tutti i dati».

Ultimo aggiornamento: 19:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA