Troppe ore al computer? Arrivano le lenti trasparenti che proteggono gli occhi

Venerdì 1 Aprile 2016 di Cristina Montagnaro
Sembrano delle lenti normali, trasparenti e invece sono in grado di proteggere i nostri occhi da raggi ultravioletti, dalla luce artificiale, come il neon e il led ed in particolare dalla luce blu. Ore e ore passate davanti al computer, a tablet, a schermi di smartphone, o a luci al led sicuramente non fanno bene alla vista; è possibile avere degli occhiali con lenti trasparenti, capaci di far riposare i nostri occhi ed eliminare ogni sfarfallio.

La novità consiste proprio nella protezione totale, fino ad ora esistevano delle lenti “trattate” o colorate che tentavano di ridurre il problema, ma in realtà alteravano la percezione dei colori, o riducevano la visione. Si chiamano lenti Lutina, sono state brevettata da Tokai, azienda giapponese che ne produce di ogni tipo. Dietro agli schermi dei pc, di monitor tv, e di illuminazione al led c’è anche una luce blu che può dar fastidio e causare problemi quanto più è prolungato l’impiego.

Questi dispositivi come smartphone e tablet emettono fino al 40% in più di luce blu, che avendo una lunghezza d'onda corta ha frequenza ed energia alta e penetra nell’occhio.
Molto spesso le persone lamentano fastidi durante l'utilizzo prolungato di dispositivi digitali: occhi rossi e secchi, mal di testa, vista annebbiata.
La lente completamente trasparente potrebbe risolvere il problema a chi sta davanti a questa luce per tante ore.

E’ costituita da un nuovo materiale con alto indice di rifrazione, che assorbe la luce blu. In questo caso non si parla di antiriflesso, che respinge la luce blu riflettendola, ma di assorbimento nel materiale stesso. Queste lenti si trovano già in commercio. Andrea Pascucci, di un  negozio di ottica a Roma, spiega come si possono  prevenire i fastidi legati alla luce blu: «In primis mediante l’uso di questo tipo di lente che grazie alla luteina, famoso carotenoide, ci scherma totalmente dai raggi uv (lenti che si possono avere sia neutre che graduate, monofocali e multifocali). Importante è fare pause regolari, durante l’uso del pc, e cercare di trovare la giusta distanza tra occhi e schermo».
 
  Ultimo aggiornamento: 2 Aprile, 13:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il ritorno della grillina Alisia dall’Olanda a Strasburgo

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma