Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Obesità nei bambini, quando i genitori non si rendono conto del problema

Obesità nei bambini, quando i genitori non si rendono conto del problema
di Barbara Di Chiara
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Giugno 2022, 06:00 - Ultimo aggiornamento: 06:55

Un adolescente su quattro non si rende conto di essere obeso e un genitore su tre non riconosce l’obesità del proprio figlio.

È ciò che emerge dallo studio internazionale “Action Teens”, condotto in dieci paesi nei vari continenti, Italia inclusa, e presentato da Novo Nordisk al Congresso Europeo sull’Obesità. Obiettivo della ricerca, che ha coinvolto circa 13.000 persone, di cui oltre 5.000 bambini e adolescenti con obesità, 5.400 genitori e più di 2.000 operatori sanitari, era quello di identificare le percezioni, le attitudini, i comportamenti e gli ostacoli per la cura della malattia e capire in che modo questi fattori influenzino la vita quotidiana.

LE CONSEGUENZE

I genitori di bambini con obesità faticano a riconoscerla e spesso sottovalutano la gravità della malattia, convincendosi che si risolverà con la crescita, aspettativa quest’ultima assolutamente non provata dalle evidenze scientifiche. Purtroppo, invece, far finta che la patologia non esiste in bambini e adolescenti porta a complicanze già in giovane età: sviluppo di malattie croniche. Da quelle legate alla salute mentale ai disturbi cardiaci al diabete di tipo 2. Nonché alcuni tumori e problemi sia allo scheletro che alle articolazioni. «L’obesità è una malattia cronica che tende a recidivare e nel tempo può complicarsi con lo sviluppo di altre malattie, ma se trattata con serietà, tempo, dedizione e impegno si può curare - spiega Claudio Maffeis, docente di Pediatria all’università di Verona e Past President della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica - In Italia i dati più recenti dell’indagine “Okkio alla Salute”, il sistema di sorveglianza sul sovrappeso e l’obesità e i fattori di rischio correlati nei bambini delle scuole primarie del Ministero della Salute, ci dicono che purtroppo siamo tra i paesi europei con i valori più elevati di sovrappeso e obesità nella popolazione in età scolare. Risulta, infatti, che la percentuale di bambini in sovrappeso è del 20,4 per cento e di bambini con obesità del 9,4 per cento, compresi i gravemente obesi che rappresentano il 2,4 per cento». Una popolazione dai sei agli undici anni. Ancora uno “spaccato” rivela il disagio degli adolescenti nonostante loro, come rivelato dal lavoro scientifico, non riescano a palesarli. «In un caso su tre non riescono a parlarne direttamente con i genitori e spesso ricorrono all’uso dei social media per cercare aiuto”, è il commento di Vicki Mooney, uno degli autori dello studio, Direttore esecutivo della European Coalition for People living with Obesity.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA