Zona bianca in Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto da lunedì. Iss: «Con questo trend in tutta Italia a metà giugno»

Contagi Covid, l'indice Rt scende a 0,68: la scorsa settimana era a 0,72
4 Minuti di Lettura

Covid Italia, scende ancora l'Rt, ovvero l'indice che indica quante persone possono essere, in media, contagiate da una sola. Se la scorsa settimana era 0.72, questa è a 0.68. A riportarlo la Cabina di regia per il monitoraggio Covid. Diminuisce anche l'incidenza del coronavirus: il valore è arrivato a 32 casi ogni 100 mila abitanti, rispetto ai 47 della scorsa settimana.

E così «il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia» Covid-19, «firmerà in giornata una nuova ordinanza che andrà in vigore a partire dal 7 giugno. Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto passano in zona bianca». Lo comunica il dicastero.

Non solo. «Abruzzo, Umbria, Liguria e Veneto per la terza settimana sono sotto i 50 casi per 100mila abitanti e da lunedì sono in zona bianca. Se la tendenza prosegue cosi, per la seconda settimana di giugno tutta l'Italia si troverà in zona bianca». Lo ha detto il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa al ministero della Salute sull'analisi dei dati del monitoraggio settimanale della Cabina di Regia.

«La curva sta decrescendo a livello europeo e il dato italiano mostra anche una decrescita e il numero di caso è in diminuzione. L'incidenza è di 32 casi su 100 mila abitanti e tutte le regioni sono sotto il valore di 50 casi su 100mila abitanti». Lo ha detto il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa al ministero della Salute sull'analisi dei dati del monitoraggio settimanale della Cabina di Regia. Il trend di decrescita «continua a confermarsi».

Rischio basso - Tutte le Regioni e le province autonome sono classificate a rischio basso: ovvero hanno un Rt medio inferiore a 1. Si avvicina quindi la possibilità di passare in zona bianca. In questa fascia ci sono già Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna. Mentra da lunedì 7 giugno sarà il turno di Umbria, Liguria, Veneto e Abruzzo. Poi il 14 toccherà alla Lombardia, Provincia di Trento, Lazio, Piemonte, Puglia e Emilia-Romagna.

Terapie intensive - Nessuna Regione ha superato questa settimana la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è sotto la soglia critica (12%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 1.323 (25/05/2021) a 1.033 (31/05/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (11%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 8.577 (25/05/2021) a 6.482 (31/05/2021).

Riaperture - Con i contagi che scendono e le terapie intensive degli ospedali che si svuotano, l'Italia vede una nuova fase. Ma il segretario dem Enrico Letta, intevenuto a Mattino Cinque, ammonisce: «Queste riaperture devono essere irreversibili, bisogna che tutto funzioni bene e che stiamo tutti attenti per evitare di ritrovarci come l'anno scorso».


Vaccini in vacanza -  Per il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, fare i vaccini in vacanza «è una cosa complicata». La Lombardia però è pronta e sta «cercando di andare incontro alle esigenze» dei cittadini che vanno in vacanza, «dando loro la possibilità di cambiare eventualmente la prenotazione della seconda dose nel caso in cui interferisca proprio con il periodo di vacanza». Così Fontana intervenuto a Skytg24. «Per ora questo è fattibile tramite il call center, dalla fine del mese sarà possibile anche modificare la data direttamente online».

Vaccini, seconda dose ai turisti per i soggiorni lunghi. Figliuolo: sia l’eccezione

Il Molise è la prima zona verde italiana in Europa (meno di 25 casi ogni 100.000 abitanti). Calabria rossa

 

Venerdì 4 Giugno 2021, 09:16 - Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 10:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA