Variante indiana, Abrignani (Cts): «Preoccupante ma non diffusiva, va monitorata»

Variante indiana, Abrignani (Cts): «Preoccupante ma non diffusiva, va monitorata»
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Aprile 2021, 10:38 - Ultimo aggiornamento: 10:42

La variante indiana del Covid preoccupa per le sue mutazioni e per quanto potrà influenzare la distribuzione dei vaccini, ma dall'altra parte non sembra essere molto diffusiva, lasciando predominare quella inglese. A sostenerlo è Sergio Abrignani, l'immunologo e membro del Cts.

Brescia, muore 5 giorni dopo il vaccino Moderna. Bloccati i funerali: il medico chiede l'autopsia

Abrignani sostiene che la mutazione indiana vada monitorata e si è detto favorevole al blocco degli arrivi dall'India, «perché ancora dobbiamo imparare bene in queste settimane quanto veramente la variante sia diffusiva». 

Alberghi covid-free? A Roma stanze sanificate e il cliente può controllare la pulizia con un'app

L'immunologo, nella serata di ieri, ha risposto anche a una domanda sul coprifuoco alle 22, contestato da molti esponenti politici: «Non c'è nessun dato scientifico su cosa voglia dire un'ora in più aperti o un'ora chiusi. Non esiste, come nel 99% delle cose che ci hanno interessato di questa pandemia e che sono state decise sulla base di supposizioni scientifiche, sempre con la tendenza alla mitigazione del rischio» Abrignani ha poi continuato: «noi siamo a favore di tutta una serie di mitigazioni del rischio. Il Cts non decide mai nulla, dà dei pareri. Le decisioni sono sempre della politica. Noi diamo dei pareri in scienza e coscienza, sulla base dei dati».

Vaccini Lazio over 80, mortalità in calo: soltanto l’1% si ricontagia

L'immunologo ha poi parlato del rischio calcolato e dei dati sui morti da inizio pandemia: «Se ho la certezza che sia giusto tutto questo? No, perché non ci sono dati scientifici assoluti sulla maggior parte delle cose che decidiamo». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA