Vaccini, Pfizer: «Iniezioni da ripetere ogni anno come per l'influenza. Nel 2022 anche a bambini tra 6 mesi e 11 anni»

Vaccini, Pfizer: «Iniezioni da ripetere ogni anno come per l'influenza. Nel 2022 anche a bambini tra 6 mesi e 11 anni»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 20 Maggio 2021, 18:12 - Ultimo aggiornamento: 21 Maggio, 10:19

Vaccino Covid come quello per l'influenza: da ripetere ogni anno. È l'idea della Pfizer. «La vaccinazione continuativa oltre il 2021 è fondamentale, poiché COVID-19 continua a diffondersi rapidamente in tutta Europa e nel mondo –  afferma in una nota Albert Bourla, Presidente e Amministratore delegato di Pfizer –. Più di un anno dopo continuiamo ad accrescere le conoscenze sul COVID e stiamo lavorando per determinare se, analogamente all'influenza stagionale, la vaccinazione annuale possa fornire la protezione più duratura». Ma le novità non finiscono qui.

 

 

Vaccino ai bambini

Nella seconda metà del 2021 saranno disponibili i risultati della sperimentazione del vaccino anti-Covid Pfizer-BioNTech nei bambini tra 6 mesi e 11 anni. «Prevediamo saranno disponibili nella seconda metà del 2021. Se la sicurezza e immunogenicità saranno confermate, speriamo di ricevere l'autorizzazione per la vaccinazione di questi bambini più piccoli entro l'inizio del 2022». Lo afferma l'azienda Pfizer. Lo scorso marzo, Pfizer e BioNTech hanno inoculato il proprio vaccino ai primi bambini sani in uno studio globale di fase 1/2/3 per valutarne ulteriormente sicurezza, tollerabilità e immunogenicità nei bimbi.

Pfizer, vaccini anche ai 12enni, Speranza: «Il 28 via libera dell’Ema come in Usa»

Nuovo contratto tra Pfizer e Europa

Nell'UE arriveranno 1,8 miliardi di dosi del vaccino per il periodo 2021-2023. «Ci sono prove crescenti che COVID-19 continuerà a rappresentare una sfida per la salute pubblica per anni. Questo contratto con la Commissione europea - ha commentato il CEO e co-fondatore di BioNTech, Ugur Sahin – garantirà che dosi sufficienti di COMIRNATY siano disponibili per tutti i cittadini dell'UE nel 2022 e 2023».

© RIPRODUZIONE RISERVATA