Nuovo piano vaccini: sistema a fasce e 400.000 dosi al giorno da aprile (anche alle aziende)

Nuovo piano vaccini: sistema a fasce e 400.000 dosi al giorno da aprile (anche alle aziende)
4 Minuti di Lettura

Arriverà nel fine settimana il piano vaccinale voluto da Mario Draghi, che dovrà dare una decisa accelerazione all'immunizzazione anti-Covid nell'Italia in piena terza ondata. La nuova strategia di distribuzione e somministrazione prende forma, fanno sapere da Palazzo Chigi, e sarà comunicata nei prossimi giorni. Venerdì il presidente del Consiglio visiterà l'hub di Fiumicino, un gesto simbolico per il lancio della nuova - e si spera decisiva - fase di vaccinazione di massa. Dopo tante cattive notizie sulle consegne, una buona è che la Commissione Ue ha acquistato altre 4 milioni di dosi - in particolare da Pfizer - oltre a quelle previste nel primo trimestre e che all'Italia ne toccheranno 532 mila in più.

«Aspettiamo qualcosa che è intorno a 50 milioni di dosi per il secondo trimestre e si può arrivare fino a 80 milioni di dosi nel terzo trimestre», quindi, «anche in caso di una riduzione significativa, perché abbiamo visto che le aziende non riescono a rispettare i contratti fino in fondo» la campagna vaccinale marcerà. Così il ministro della Salute Roberto Speranza alla trasmissione Accordi e Disaccordi sulla Nove aggiungendo: «A tutti noi piacerebbe dire che è finito e che da domani si riapre tutto ma se riapriamo con un'epidemia in corso poi staremo peggio e dovremo chiudere ancora di più. Oggi è saggio provare a vincere».

Lockdown, Campania chiude lungomare, piazze e ville comunali da domani al 21 marzo

Entro fine mese 7 milioni di dosi

Entro fine marzo dovrebbero così arrivare circa 7 milioni di vaccini, mettendo in grado il Paese di somministrarne quasi 300 mila al giorno, il doppio del livello attuale. Da aprile a giugno l'Italia dovrebbe sulla carta ricevere oltre 12 milioni di dosi al mese, con la possibilità di vaccinare almeno 400 mila persone al giorno. Il problema sarà farlo. Così decisiva diventa la logistica, con luoghi di riferimento e unità mobili. Poste Italiane ha messo a disposizione la propria piattaforma gratuita per la prenotazione del vaccino in 6 regioni in difficoltà con le proprie: Lombardia, Sicilia, Calabria, Marche, Abruzzo e Basilicata. Le novità riguardano una più chiara definizione delle priorità nella campagna, dopo un certo caos della prima fase in cui ogni Regione è andata per conto proprio e molte dosi sono rimaste nei frigoriferi. Terminata la vaccinazione di over 80, docenti e forze dell'ordine si passerà ai soggetti estremamente fragili, secondo la bozza del nuovo piano. Quindi si proseguirà per fasce d'età decrescenti. Tra le categorie prioritarie i disabili e le persone che se ne occupano.

Lazio oltre 600.000 vaccinati

L'altro aspetto chiave per tentare di arrivare ad aprile alla vaccinazione di massa è l'ampliamento dei vaccinatori. I 63.600 dentisti e odontoiatri con un accordo raggiunto oggi si aggiungono ai ai 60 mila medici del territorio (medicina generale, pediatri di libera scelta, specialisti ambulatoriali) e ai 40 mila specializzandi. Un esercito ai quali si conta di aggiungere i pediatri e i medici dello sport. Nel Lazio - che ha superato i 600 mila vaccinati su quasi 6 milioni di abitanti, oltre il 10% - si è iniziato oggi a vaccinare i disabili e i pazienti estremamente fragili, così come in Emilia Romagna. Le vaccinazioni avverranno anche nelle aziende per i dipendenti, in base ad accordi in arrivo con Confindustria - che ha avviato una mappatura nazionale - sul modello di quello siglato in Lombardia e in vista in Piemonte, tra le regioni più sviluppate, ma anche più colpite dal coronavirus. Anche Friuli e Veneto vanno verso la definizione di protocolli ad hoc con le imprese per i medici aziendali.

Covid, dall'Africa al Messico fino a Roma: il racket dei farmaci anti covid illegali

A Milano primo Drive-Through

Venerdì entrerà in campo anche la Difesa con l'inaugurazione a Milano, al Parco di Trenno, del primo drive-through, in cui essere vaccinati senza scendere dall'auto. Queste alcune delle misure messe in campo per accelerare una vaccinazione che al momento vede quasi 6 milioni (per la precisione 5.951.032) dosi somministrate in Italia per oltre 4 milioni di vaccinati, di cui oltre 2,2 milioni con una dose e oltre 1,7 milioni anche con il richiamo, secondo i dati del ministero della Salute. Mentre degli over 80 ne sono stati vaccinati quasi un terzo, nella fascia 70-79 anni - comunque a rischio - la percentuale è finora appena del 2%. Al 7 marzo scorso c'era ancora oltre un milione di dosi inutilizzate nei frigoriferi, con notevoli disparità tra le Regioni nella somministrazione. Un'uniformità che si cercherà nel nuovo piano vaccinale, «decisamente potenziato» lo ha definito giorni fa Draghi.

Assegno unico si sblocca, Bonetti: «A luglio si parte». Manca un voto poi decreti attuativi

Mercoledì 10 Marzo 2021, 20:19 - Ultimo aggiornamento: 11 Marzo, 08:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA