Treviso, paziente operato di tre tumori contemporaneamente: era stato giudicato non operabile

Treviso, paziente operato di tre tumori contemporaneamente: era stato giudicato non operabile
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Settembre 2021, 15:05 - Ultimo aggiornamento: 17:08

Un paziente è stato operato per tre tumori contemporaneamente a Treviso. L'intervento è stato eseguito all'ospedale di Treviso dall'équipe di Chirurgia 2 del Ca' Foncello. Il paziente era affetto da una grave forma tumorale del fegato, compromesso da un'epatopatia cronica, nonché da due altri due tumori primitivi coinvolgenti rispettivamente il pancreas e lo stomaco. Contemporaneamente il paziente soffriva di diabete e di patologie cardiache, respiratorie e pluri vascolari.

Tumore al seno, due nuovi farmaci fermano la progressione della malattia

Tumore al seno avanzato, record di sopravvivenza battuto con il al Ribociclib

La decisione di operare

Il rischio intra e peri-operatorio aveva indotto i curanti ad escludere la possibilità di un approccio chirurgico ritenendo il paziente inoperabile. Nell'impossibilità di utilizzare terapie efficaci per trattare i tre tumori si è deciso presso la Seconda Chirurgia, diretta dal prof. Giacomo Zanus, di affrontare il rischio dell'intervento chirurgico, unica opzione in grado di fornire delle chances di sopravvivenza al paziente. «Il tumore primitivo del fegato, un epatocarcinoma con localizzazioni multiple - spiega il prof. Zanus - si presentava in uno stadio avanzato e comprometteva ulteriormente un organo già minato con severa ipertensione portale ed elevato rischio di sanguinamento intraoperatorio. Nel pancreas ipofunzionante era presente una lesione in accrescimento dimensionale di tipo neuroendocrino mentre nello stomaco si era sviluppato un tumore del tipo GIST.

Video

L'intervento

L'intervento, estremamente complesso, è stato possibile solo grazie all'applicazione delle innovative tecnologie resettive recentemente introdotte nel blocco operatorio grazie alla collaborazione tra Ospedale ed Università. Fondamentale la gestione anestesiologica intraoperatoria da parte dell'equipe del dr. Antonio Farnia che ha garantito l'indispensabile stabilità emodinamica del paziente per le sette ore dell'intervento. Il decorso post-operatorio è risultato particolarmente complesso per le gravi patologie che avevano compromesso la funzionalità epatica, cardiaca, respiratoria e vascolare: fondamentale nel percorso riabilitativo il supporto indispensabile dell'équipe epatologica del dr. Stefano Benvenuti e della cardiologia del dr. Carlo Cernetti. I controlli strumentali eseguiti successivamente all'intervento hanno confermato il pieno recupero clinico, in assenza di patologia tumorale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA