Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Schiacciare pillole e pasticche è pericoloso per la salute: ecco perchè

Pasticche meglio non frantumarle
di Luisa Mosello
2 Minuti di Lettura
Giovedì 12 Gennaio 2017, 19:44 - Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio, 10:40

«Con un poco di zucchero la pillola va giù» cantava Mary Poppins. E invece no. E' meglio fare attenzione alla somministrazione dei farmaci, al modo in cui si ingeriscono e insieme a quali sostanze all'apparenza innocue. Perchè sono diversi i rischi, il più delle volte insospettabili, di gesti che facciamo senza neanche pensarci e che invece possono essere pericolosi. Come rivela una recente ricerca scientifica pubblicata in Francia sulla rivista “Revue de Médecine Interne” che mette in guardia: non va bene schiacciare le compresse, per esempio per facilitare chi ha problemi di deglutizione, come bambini e persone anziane, ma non solo.

E' un errore perchè così facendo il più delle volte si riduce anche in maniera drastica l'efficacia di un medicinale. Con conseguenti danni alla salute del paziente che non si cura in modo adeguato e non riesce a portare a termine la terapia per qualsiasi genere di disturbo. Questo perchè le compresse sono gastroresistenti, cioè studiate ad hoc per non essere liberate all'interno dello stomaco, con il principio attivo che va rilasciato non direttamente ma in maniera graduale. Cosa impossibile se il farmaco viene schiacciato o sbriciolato. Eppure è una prassi comune per esempio nei reparti di geriatria degli opedali  dove almeno un terzo delle pillole viene somministrato ai ricoverati.

Un'operazione che spesso viene estesa a tutte le medicine prescritte, mescolate in un'unica soluzione con l'aggiunta di altre sostanze per migliorare il sapore dell'intruglio. Come appunto il sopra citato zucchero. Un mix che può provocare oltre alla minore efficacia anche rischi di interazione fra principi diversi ed effetti indesiderati, più o meno gravi. Quindi il consiglio è quello di non ascoltare Mary Poppins e fare di tutto per ingoiare pillole e pasticche così come mamma farmaceutica le ha fatte. E se proprio non si riesce a a farlo, chiedere al medico di prescrivere lo stesso medicinale in versione oro solubile, in gocce o se esiste in sciroppo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA