No vax, l'ordine dei medici: «In Italia 728 sanitari sospesi per non essersi vaccinati»

No vax, l'ordine dei medici: «In Italia 728 sanitari sospesi per non essersi vaccinati»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Settembre 2021, 12:49 - Ultimo aggiornamento: 12:55

Sono attualmente 728 i medici sospesi per non essersi vaccinati. Dall'inizio, le sospensioni sono state 936, delle quali 208 poi revocate perché i sanitari hanno regolarizzato la situazione, comunicando l'avvenuta vaccinazione.

No vax, in Francia sospesi 3.000 medici non vaccinati. Il ministro: «Molti si sono dimessi»

Veronica Wolski morta di Covid: l'attivista No vax chiese di essere curata con l’ivermectina

Questi i dati aggiornati comunicati dalla Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo). Sono 55 gli Ordini che, sino ad ora, hanno comunicato almeno una sospensione alla Fnomceo. 

 

I dati e l'appello - «Il dato dei colleghi che stanno regolarizzando la loro posizione dei confronti della vaccinazione anti-Covid è in aumento, oggi in totale sono 936 le sospensione dei medici da parte degli albi degli Ordini dei medici italiani. La nostra stima è che in totale dovrebbero essere 1.500 i medici ancora non immunizzati, lo 0,3% del totale. Ma da quello che stiamo vedendo nell'ultimo periodo credo che il 30% dei colleghi che non lo ha ancora fatto si vaccinerà entro l'anno», afferma all'Adnkronos Salute Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), commentando l'aggiornamento dei dati sui dottori sospesi perché non immunizzati. La Federazione, che via via riceve dagli Ordini provinciali la comunicazione delle sospensioni, oggi ha avuto notifiche da 55 Ordini su un totale di 106. «Si stanno verificando alcune situazioni che riguardono colleghi che non si sono vaccinati per motivi di salute - prosegue Anelli - Rivolgo un appello invece a chi ha ancora dubbi ma così rischia di non lavorare più, non buttate all'aria una laurea in Medicina soprattutto in un momento di emergenza dove serve il contributo di tutti i medici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA