Lombardia sopra i 30mila morti, si allontana la zona arancione? Ed è polemica sugli hub vaccinali

Lombardia sopra i 30mila morti, si allontana la zona arancione. Ed è polemica sugli hub vaccinali
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Marzo 2021, 18:39

Con gli ultimi 110 decessi di oggi, mercoledì 24 marzo, la Lombardia supera quota trentamila morti. Ora le vittime per Covid sono arrivate a 30.085. E la regione guidata da Attilo Fontana resta la più colpita, seguita da Emilia Romagna, Veneto e Piemonte. Nel bollettino nazionale giornaliero si contano 21.267 contagiati in Italia, di cui 4.282 i nuovi positivi su 59.626 tamponi effettuati, con un rapporto del 7,1%. In particolare, a Milano, i nuovi casi sono 1.062. E secondo non ci sono «elementi per poter dire che» la Lombardia tornerà in zona arancione secondo il direttore generale del Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi.

Polemiche sulla campagna vaccinale

Continua a creare problemi Aria, il sistema di prenotazione dei vaccini in Lombardia. Dopo il mancato invio degli sms a chi aveva diritto alla somministrazione, arrivano ulteriori segnalazioni di disservizi. «Oggi – ha denunciato il sindaco di Iseo, il medico di base Marco Ghitti – per un problema di convocazioni abbiamo avuto solo 120 persone da vaccinare su un potenziale di 800. Domani invece sono convocate solo 119 persone. Così non può andare. È assurdo». Che poi aggiunge: «La sanità lombarda è sempre stata un'eccellenza. Ma ora, è proprio il caso di dirlo, è saltata in aria».

Bertolaso: «Hub vaccinale a Muggiò? No, è uno schifo»

Guido Bertolaso, il consulente della Regione Lombardia per la campagna vaccinale ha ammesso i  disguidi nelle prenotazioni. E ha anche detto che potranno ancora esserci, ma è convinto di essere comunque «sulla strada giusta». È inoltre deciso a non trasformare l'area di Muggiò a Como in hub vaccinale. «È uno schifo», ha detto e questo ha generato l'indignazione di molti comaschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA