Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il vaccino anti Covid «non causa infertilità maschile». I risultati dell'ultimo studio

Il vaccino anti Covid «non causa infertilità maschile». I risultati dell'ultimo studio
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Giugno 2021, 15:36 - Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 09:57

Non c’è alcun collegamento tra il vaccino anti Covid e l’infertilità maschile. Il numero e la qualità degli spermatozoi non sono diminuiti nei giovani uomini sani che hanno ricevuto una prima o una seconda dose di siero Pfizer o Moderna. A rassicurare su quella che era stata ipotizzata come una possibile controindicazione del vaccino è una ricerca pubblicata su Jama, il Journal of the American medical association, prestigiosa rivista medica ritenuta tra le più autorevoli del settore. «Si tratta di dati rassicuranti che suggeriscono come la qualità dello sperma non venga alterata in modo significativo ricevendo due dosi di uno dei nuovi vaccini mRna contro il Covid», commenta in un articolo della Cnn sul tema Allan Pacey, professore di andrologia presso l’Università di Sheffield. «Spero che questo fornisca una certa rassicurazione a tutti gli uomini che potrebbero essere preoccupati per le ricadute del vaccino», aggiunge Pacey.

Mascherine all'aperto, quando le toglieremo in Italia? Ipotesi 1 o 5 luglio. Niente obbligo già in molti Paesi nel mondo

Vaccini e infertilità, il documento

LO STUDIO - Di recente a suscitare allarme è stato un documento dell’European Consumers, associazione fondata nel 2008 per riunire le organizzazioni di consumatori europee. Si legge: «Un’ampia letteratura scientifica relativa al virus SARS-CoV-2 (si veda: Appendice infertilità maschile e Covid-19 – European Consumers) permette di ipotizzare che il vaccino Pfizer BioNTech, che si intende distribuire alla popolazione italiana (obbligatoriamente per determinate fasce quali gli operatori sanitari), possa essere mutogeno e causare infertilità. Sembra in particolare ragionevolmente dimostrato la potenzialità di danno agli spermatozoi. L’infezione da SARS-Cov-2 è stata associata al danno dell’apparato riproduttivo maschile con potenziale rischio di infertilità. A oggi non ci sono dati sul monitoraggio a lungo termine perciò non sappiamo se il danno è reversibile o no. Il vaccino anti-Covid-19 va testato per l’eventuale rischio di danno alla fertilità maschile e va applicato il principio di precauzione finché non ci sono risultati che permettono di escludere con chiarezza il rischio di questa gravissima reazione avversa». Ma ora lo studio dimostra che il rischio non sussiste.

 

I RISULTATI

Il progetto ha coinvolto 45 uomini di età compresa tra 25 e 31 anni, selezionati per assicurarsi che non avessero problemi di fertilità. I campioni sono stati prelevati precedentemente alla prima iniezione di un vaccino mRNA, quindi 70 giorni dopo la seconda dose. «Non abbiamo trovato cambiamenti nei parametri dello sperma nei giovani uomini sani che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino mRNA», riassume l’autore dello studio, il dottor Ranjith Ramasamy, direttore di medicina e chirurgia riproduttiva maschile presso l’Università di Miami Health System. Il progetto non ha testato i vaccini Johnson & Johnson e AstraZeneca, che non sono basati su piattaforme mRNA. «Tuttavia pensiamo che il meccanismo di funzionamento di questi sieri sia abbastanza simile nonostante il diverso materiale genetico, quindi in base alla biologia non riteniamo che abbiano effetti diversi». La ricerca del dottor Ramasamy è partita dalla scoperta che il virus del Covid è presente nei testicoli fino a sei mesi dopo l’infezione, concludendo che comunque non rappresenta una minaccia per la fertilità maschile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA