CORONAVIRUS

Coronavirus, i bambini e le mascherine: ecco quali indossare e chi deve evitarle

Giovedì 16 Aprile 2020 di Carla Massi

Arriverà il giorno in cui i cancelli dei parchi saranno riaperti e i bambini potranno tornare a giocare seppur mantenendo le distanze. Ma dovranno mettere la mascherina anche allora? Per i pediatri non ci sono dubbi: bocca e naso devono essere coperti. Fino a quando non si sa. Quindi, al momento, è meglio attrezzarsi con le mascherine giuste e sapere come usarle.

«Il coronavirus si trasmette 2-3 giorni prima dei sintomi». Lo studio dell'università di Hong Kong
Covid-19, scienziato israeliano: «Ogni ciclo epidemico dura 70 giorni, poi il virus scompare»

«Con la graduale ripresa delle attività e la scomparsa dell’isolamento, lo scopo delle mascherine rimarrà quello di proteggere la comunità. Ci sono infatti persone malate di Covid-19 ma asintomatiche, e dunque capaci di diffondere il virus» spiegano gli specialisti dell’Associazione culturale pediatri. Anche l’Oms, per i più piccoli, sta preparando nuove direttive. Tutto nuovo, tutto da mettere a punto adesso. Solo i bambini con più di due anni possono indossare la mascherina. «Per essere protettiva e sicura - spiega la dottoressa Stefania Manetti dell’Associazione - deve coprire bene naso e bocca e essere fissata all’orecchio. Prima di indossarla genitore e bambino devono lavare bene le mani per almeno venti secondi. Ovviamente non va indossata quando si mangia o si beve e va tolta rimuovendo prima il raccordo dietro le orecchie».

Se un bambino è all’aria aperta a giocare e riesce a mantenere una distanza di almeno due metri dagli altri (evitando di toccare superfici toccate dagli altri) può evitare di proteggersi. Ma si tratta di una condizione assai rara. La mascherina va, invece, indossata se si è in luoghi in cui potrebbe essere difficile restare lontani nel modo corretto. Che sia il negozio o il supermercato. «Le mascherine- aggiungono i pediatri - non vanno previste per i piccoli che hanno meno di due anni. E per quelli con difficoltà respiratorie. Solo i bambini fragili, con malattie croniche e ad alto rischio, devono essere incoraggiati a indossare una mascherina particolare, non le chirurgiche o di stoffa, ma le Ffp2».
 

Da non dimenticare, le dimensioni. Per gli adulti, quella standard è 15x30 cm, per un bambino 12x25 cm in media, considerando l’età e il fatto che deve aderire bene al volto. «Per uscire dalla emergenza è necessaria una seria riorganizzazione delle cure territoriali – chiede Stefania Manetti - che ha come primo passo necessario la diffusione alle famiglie di una accurata e rigorosa attività di informazione e prevenzione nei confronti della malattia da Covid-19». Da combattere, magari, con la mascherina di Superman, Batman o di una Barbie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani