CORONAVIRUS

Coronavirus, no all'ibuprofene per chi pensa di averlo. L'Oms: «Usare il paracetamolo»

Mercoledì 18 Marzo 2020
Coronavirus, i consigli dell'Oms in caso di sintomi: sì al paracetamolo, no all'ibuprofene

Paracetamolo sì, ibuprofene no. Il coronavirus alimenta le bufale su internet e sui social. Notizie false, o a volte con qualche fondo di verità, verosimili, tutto però da verificare, diffuse in modo non controllato. In questo caso riguardano farmaci usati da migliaia di persone, come gli anti-infiammatori e gli anti-ipertensivi, che accelererebbero e aggraverebbero il quadro clinico dei malati. Notizie su cui sono intervenuti con posizioni ufficiali anche società scientifiche e l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e l' Oms.

Coronavirus, ira della Raggi: in cinque al bar a bere caffè, un comportamento da veri cretini

Sui farmaci anti-ipertensivi ACE inibitori e dei sartani e il loro presunto effetto sulla trasmissione ed evoluzione del Covid-19, è intervenuta l'Aifa, dopo la posizione espressa nei gionri scorsi dalla Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa, Società Italiana di Medicina Generale e delle cure Primari, Società europea di Cardiologia e dalla Società Italiana di Farmacologia. In una nota ufficiale ha spiegato che ad oggi non esistono prove scientifiche, basate su studi clinici o epidemiologici, sul presunto effetto di questi farmaci e la malattia. Al momento si tratta «solo di ipotesi molecolari verificate con studi in vitro». Pertanto, in base alle conoscenze attuali, «si raccomanda di non modificare la terapia in atto con anti-ipertensivi nei pazienti ipertesi ben controllati, in quanto esporre pazienti fragili a potenziali nuovi effetti collaterali o a un aumento di rischio di eventi avversi cardiovascolari non appare giustificato».

Coronavirus, dati promettenti da un anticoagulante: sui farmaci la Cina accelera, Italia in scia

Coronavirus, la ricerca sugli animali elemento decisivo per battere il Covid-19

Per lo stesso motivo, rispetto all'ipotesi di utilizzare farmaci ACE-inibitori e sartani anche in persone sane a fini profilattici, «è opportuno ricordare - continua l'Aifa - che tali farmaci vanno utilizzati esclusivamente per il trattamento delle patologie per cui c'è un'indicazione approvata e descritta nel foglietto illustrativo». L'altra notizia, che ha iniziato a circolare nelle ultime ore, riguarda gli anti-infiammatori, come ibuprofene o l'aspirina, perché favorirebbero le forme gravi della malattia. Per sembrare più credibile è stata attribuita sia al ministero della Salute che a Walter Pascale, medico dell'Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, che però ha smentito categoricamente e provveduto a denunciare all'autorità competente quanto accaduto. Un tema su cui in serata è intervenuta anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha raccomandato a chi riscontra sintomi che fanno sospettare il contagio da Covid-19 di non assumere l'ibuprofene di propria iniziativa, se non prescritto dal medico. Il portavoce dell'Oms Christian Lindmeier ha sottolineato che esperti dell'agenzia Onu «stanno effettuando approfondimenti a riguardo per dare indicazioni più precise». Nel frattempo, raccomandiamo di utilizzare piuttosto paracetamolo e non ibuprofene come cura fai da te. E' importante»
 

 

Ultimo aggiornamento: 19 Marzo, 00:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani