Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, si allarga l'allarme in Cina: ora test di massa anche a Pechino dopo Shanghai

Omicron, si allarga l'allarme in Cina: ora test di massa anche a Pechino
3 Minuti di Lettura
Domenica 24 Aprile 2022, 14:43 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 11:49

L'allarme in Cina per la diffusione di Omicron si estende. E Pechino si prepara a test di massa dopo Shanghai, che resta in pieno lockdown. Nella Capitale tutte le persone che risiedono e lavorano nel distretto di Chaoyang, il cuore della città, saranno sottoposte a test lunedì, mercoledì e venerdì. Lo ha riferito il network statale Cctv, in merito alle decisioni delle autorità sanitarie dopo che la città di oltre 23 milioni di abitanti ha visto un balzo di casi locali focalizzati a Chaoyang. Nel conteggio dal 22 aprile, il distretto ne ha accertati 26 sui 41 totali della città. «I risultati epidemiologici preliminari hanno mostrato che il virus è rimasto ignorato per una settimana», hanno riferito le autorità.

Cina, legame consolidato con la Russia? Pechino risponde alla minaccia Usa: «Trucchi per gettare fango»

Allarme Omicron in Cina, quanti sono i casi oggi

Nelle ultime 24 ore in Cina sono stati segnalati 1.566 nuovi casi confermati di Covid-19 a trasmissione locale, di cui 1.401 a Shanghai. Lo ha fatto sapere oggi la Commissione Sanitaria Nazionale nel suo bollettino quotidiano. Oltre a Shanghai, altre 16 suddivisioni a livello provinciale della Cina continentale hanno assistito all'insorgere di nuovi casi locali, tra cui la provincia nordorientale del Jilin con 60 contagi, l'Heilongjiang con 26 e Pechino con 22. A seguito della guarigione di 2.672 ricoverati, rilevata ieri, negli ospedali del Paese restano degenti 29.531 contagiati. La giornata di ieri ha visto ulteriori 39 nuovi decessi dovuti al virus, tutti a Shanghai. Il totale delle vittime sale così a quota 4.725.

Shanghai, il lockdown ferma le fabbriche in Usa e Ue: 400 navi cargo in attesa al porto

 

Sospese le lezioni a scuola

Già con i 15 casi confermati sabato, Pechino aveva adottato un primo piano di contenimento, tra cui l'organizzazione di test dell'acido nucleico, la sospensione delle lezioni nelle aree intorno alla scuola dove sono stati individuati i contagi e il blocco dei cantieri. Il focolaio più rilevante è stato rilevato in una scuola media di Chaoyang, mentre altri potenziali nei distretti di Shunyi e di Fangshan. Dato il periodo di trasmissione di una settimana, il rischio di infezioni è alto, ma la situazione epidemica potrebbe non diventare così grave come Shanghai, ha osservato Wang Yuedan, professore del Dipartimento di Immunologia dell'Università di Pechino. Le imminenti vacanze del Primo Maggio potrebbero rappresentare una grande sfida nella prevenzione del virus poiché molte persone hanno pianificato viaggi, aumentando la trasmissione del nuovo coronavirus. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA