I cardiologi: «Non controllare il colesterolo causa 46 mila morti l'anno»

Sabato 14 Dicembre 2019
Quasi una persona su cinque che in Italia nel 2017 è morta per malattie cardiovascolari ha avuto cause imputabili al mancato controllo del colesterolo. Un totale di poco meno di 50mila decessi all'anno. Ma non tutte le notizie sono negative: tra gli italiani sta tornando l'attenzione per il monitoraggio di questo valore nel sangue.

A dirlo è Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società italiana di cardiologia (Sic), in occasione dell'80/mo Congresso nazionale della Società organizzato a Roma.
«Delle 217.000 morti cardiovascolari in Italia nel 2017, 46.000 o più sono solo ascrivibili al mancato controllo del colesterolo». Ha spiegato, precisando comunque come «si stia di nuovo diffondendo la cultura del controllo del colesterolo, che per molto tempo è stata privata dell'attenzione che merita».   

  Filardi ha anche parlato di alcune novità del settore farmacologico proprio per il trattamento della ipercolesterolemia, come quelle relative a nuovi farmaci che
«saranno immessi nel mercato da qui ad un anno». L'esempio è quello dell'acido bempedoico che interviene sulla biosintesi del colesterolo. Non sostituirà le statine ma potrà essere una soluzioni di trattamento per chi non può assumerle. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani