Alzheimer, nuova diagnosi basata sull'intelligenza artificiale. «Efficace nel 98% dei casi»: lo studio

Software esamina 155 regioni e 660 caratteristiche del cervello

Alzheimer, nuova diagnosi basata sull'intelligenza artificiale. «Efficace nel 98% dei casi»: lo studio
3 Minuti di Lettura
Lunedì 20 Giugno 2022, 17:32 - Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 09:03

L'Alzheimer può essere diagnosticato dall'intelligenza artificiale (AI). Basta una semplice risonanza magnetica per individuare la malattia neurodegenerativa. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista, edita da Nature, Communications Medicine, e finanziata dal britannico National Institute for Health and Care Research (NIHR) e condotta a Londra, presso l'Imperial Biomedical Research Centre.

Parkinson, anticorpi monoclonali per bloccare la malattia

Alzheimer, come funziona la nuova diagnosi

Gli esperti hanno sviluppato un algoritmo basato sull'intelligenza artificiale in grado di analizzare le immagini di risonanza in modo dettagliato (analizzando il cervello suddiviso in 155 aree e passando in rassegna un totale di ben 660 caratteristiche anatomiche, strutturali e funzionali) e di dire in base ai parametri studiati se una persona soffre di Alzheimer o meno, di distinguere un paziente con Alzheimer da uno con altre demenze o altre malattie neurologiche e soprattutto di identificare la malattia anche in fase precoce.

«Efficace nel 98% dei casi»

Attualmente la diagnosi di Alzheimer si fa clinicamente, sottoponendo il paziente a una batteria di test (ad esempio cognitivi) e magari anche a una risonanza per esplorare eventuali danni ad alcune regioni neurali, come l'ippocampo, sede della memoria. Ma non esiste un test rapido, unico e obiettivo per arrivare alla diagnosi. L'idea di usare una risonanza magnetica analizzandola tramite l'intelligenza artificiale potrebbe aiutare a colmare questa lacuna diagnostica. I ricercatori hanno prima addestrato il loro programma di AI su dati di risonanza di 400 pazienti con Alzheimer lieve o grave, di soggetti sani di controllo, pazienti con altre malattie neurologiche e altri tipi di demenza. Poi hanno testato nuovamente il loro strumento su un altro gruppo di pazienti. L'AI si è dimostrata capace di predire in modo accurato se una persona ha o meno l' Alzheimer nel 98% dei casi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA