Alzheimer, cura scoperta in un anticoagulante: possibile ridurre e ritardare i sintomi

Lunedì 7 Ottobre 2019
1
Alzheimer, cura scoperta in un anticoagulante: possibile ridurre e ritardare i sintomi

Posticipare e ridurre i sintomi dell'Alzheimer. La promessa viene dal dabigatrananticoagulante il cui uso è già approvato per altre malattie. A dirlo è uno studio condotto dagli esperti del CNIC, il Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares di Madrid, e della Rockefeller University di New York. La ricerca, in pubblicazione sul Journal of the American College of Cardiology, è stata effettuata testando per un anno il farmaco su un gruppo di topolini malati di Alzheimer.

LEGGI ANCHE Alzheimer, sperimentazione selvaggia sui malati: «Molecole dagli effetti ignoti». Scandalo in Francia

È emerso che, 12 mesi dopo aver iniziato ad assumere il dabigatran, gli animali malati non mostravano segni di peggioramento di memoria, avevano meno segni di infiammazione cerebrale e meno accumulo di beta-amiloide (sostanza tossica di scarto metabolico che circonda e distrugge le sinapsi del cervello). «Questa scoperta», ha detto Marta Cortés Canteli, coordinatrice dello studio, «segna un importante avanzamento verso la possibilità di traslare i nostri risultati alla pratica clinica per ottenere un trattamento efficace per l'Alzheimer».

LEGGI ANCHE Alzheimer, un cortometraggio con la voce di "Robin Williams" per promuovere la ricerca

Gli esperti pensano che l'efficacia del farmaco si basi sul fatto che nell'Alzheimer è coinvolta una riduzione della circolazione cerebrale, con conseguente carenza di ossigeno e nutrienti per le cellule del cervello.

LEGGI ANCHE Il Villaggio per malati di Alzheimer in Francia (foto Nordarchitects)

Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre, 12:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma