Aids, Moderna avvia la sperimentazione clinica per il vaccino contro l'Hiv: utilizzerà la tecnologia mRNA

Aids, Moderna avvia la sperimentazione clinica per il vaccino contro l'Hiv: utilizzerà la tecnologia mRNA
3 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Gennaio 2022, 10:09

Moderna ha annunciato giovedì di aver avviato studi clinici in fase iniziale di un vaccino mRNA per l'Hiv. La società di biotecnologie ha collaborato con l' International Aids Vaccine Initiative senza scopo di lucro per sviluppare il vaccino, che utilizza la stessa tecnologia del vaccino Covid 19  di Moderna.

I primi partecipanti allo studio della Fase I hanno ricevuto le dosi presso la George Washington University School of Medicine and Health Sciences di Washington, DC, secondo una dichiarazione dell'azienda . «Siamo estremamente entusiasti di portare avanti questa nuova direzione nella progettazione del vaccino contro l'Hiv con la piattaforma mRNA di Moderna», ha affermato in una nota il dottor Mark Feinberg, presidente e CEO di IAVI. «La ricerca di un vaccino contro l'Hiv è stata lunga e impegnativa e disporre di nuovi strumenti in termini di immunogeni e piattaforme potrebbe essere la chiave per compiere rapidi progressi verso un vaccino contro l'HIV urgente ed efficace».

Omicron, scienziati al lavoro sul vaccino universale: proteggerà da tutte le varianti, ecco i tempi

Quasi 38 milioni di persone in tutto il mondo, di cui circa 1,3 milioni negli Stati Uniti, vivono con l'HIV, o virus dell'immunodeficienza umana, che può portare alla malattia potenzialmente fatale dell'Aids. La diagnosi di Hiv una volta era considerata una condanna a morte. Durante il culmine dell'epidemia di Aids negli Stati Uniti a metà degli anni '90, ogni anno si verificavano più di 50.000 morti, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Oggi, l'Hiv è molto più gestibile con i farmaci che possono ridurre la carica virale a non rilevabile in modo che il virus non possa essere trasmesso, così come le pillole che possono essere assunte per prevenire l'infezione di coloro che sono negativi all'Hiv. Ma nonostante decenni di ricerca, nessun vaccino è mai stato sviluppato. Diversi candidati sono entrati in studi clinici ma hanno fallito nelle fasi successive. Il nuovo vaccino utilizza l'mRNA, o RNA messaggero, che insegna alle cellule del corpo come produrre proteine ​​che attivano le risposte immunitarie.

Aids, partono test su vaccini Hiv basato su mRna

I ricercatori hanno sviluppato non solo un vaccino primario, ma anche un booster per fornire immunogeni dell'HIV - molecole che provocano una risposta immunitaria - tramite l'mRNA. La speranza è che questo processo possa indurre specifici globuli bianchi, chiamati cellule B, che possono poi trasformarsi in quelli che sono noti come anticorpi ampiamente neutralizzanti in grado di neutralizzare il virus. Secondo la dichiarazione, la fase I dello studio arruolerà 56 partecipanti adulti sani e sieronegativi presso la GWU e tre siti aggiuntivi: Hope Clinic dell'Emory Vaccine Center di Atlanta; Centro di ricerca sul cancro Fred Hutchinson a Seattle; e l'Università del Texas-Health Science Center a San Antonio.

Dei volontari, 48 riceveranno una o due dosi del vaccino mRNA e 32 riceveranno anche il richiamo. I restanti otto riceveranno solo il booster. I ricercatori monitoreranno quindi la sicurezza e l'efficacia del nuovo vaccino fino a sei mesi dopo che i partecipanti avranno ricevuto la dose finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA