INFLUENZA

Gli abbracci come “cura”: aiutano a prevenire il raffreddore

Venerdì 19 Dicembre 2014
Una cura degli abbracci per prevenire raffreddori e influenza. E' la possibilità sugegrita da una ricerca secondo cui tali manifestazioni di affetto rinforzano il sistema immunitario e difendono dalle infezioni.

Lo studio è stato condotto presso la Carnegie Mellon University da Sheldon Cohen e pubblicato sulla rivista “Psychological Science”. All'aumentare del numero degli abbracci mediamente ricevuti ogni giorno, diminuisce uil rischio di contrarre infezioni e, se anche un'infezione dovesse arrivare, risulterebbe più blanda e di breve durata.

Già era noto da precedenti ricerche che le persone esposte ad alti livelli di conflitto con gli altri sono meno in grado di combattere infezioni quali il classico raffreddore di stagione. Così, l'esperta ha chiesto a 404 soggetti sani di calcolare quante volte venissero abbracciate ogni giorno e poi ha esposto ciascun volontario al virus del raffreddore.

Ebbene, è emerso che si ammalavano con più facilità coloro che ricevevano mediamente meno abbracci e che i soggetti più fortunati che godevano di frequente di questis egni di affetto, anche se contraevano il raffreddore, lo prendevano in una forma più blanda e guarivano subito.

E' possibile che il contatto fisico dell'abbraccio sprigioni molecole che a loro volta rinforzano il sistema immunitario e che a livello psicologico sentirsi amati e coccolati abbia effetti protettive sull'organismo. Ultimo aggiornamento: 21 Dicembre, 19:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma