Sesso, migliora la salute degli anziani ma non ne parlano con il medico

Martedì 18 Dicembre 2018
 Baci, coccole e carezze, ma anche rapporti completi. Il sesso nella terza età promuove la salute ed è associato a una migliore attitudine verso la vita. La conferma arriva da uno studio pubblicato sulla rivista Sexual Medicine, che consiglia ai medici di non sorvolare sull'argomento con i propri assistiti, così come in genere si tende a fare. I ricercatori dell'Università Anglia Ruskin, in collaborazione con quelli dello University College London, hanno utilizzato i dati di un sondaggio su 6.879 anziani, con un'età media di 65 anni, che vivevano in Inghilterra.

Ha scoperto che gli uomini e le donne della terza età che riferivano di aver avuto attività sessuale nei precedenti 12 mesi avevano un'attitudine migliore nei confronti della vita e erano più propensi ad apprezzarla. Eppure, nonostante le conseguenze positive dell'umore si riflettano anche sulla salute fisica, il tema è ancora un tabù.

E almeno 3 anziani su 10 non ne parlano con il proprio medico di base. «I professionisti della salute - spiegano i ricercatori - dovrebbero riconoscere che una vita sessuale frequente e senza problemi in questa popolazione è correlata a un benessere complessivo migliore. I risultati suggeriscono che i medici dovrebbero parlarne con i pazienti e offrire aiuto per le eventuali difficoltà». Questo, concludono, «potrebbe contribuire a migliorare il benessere dell'individuo e la sostenibilità dei servizi sanitari».
Ultimo aggiornamento: 22:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma