West Nile, a Padova 16 ricoverati: 10 sono gravi

«Siamo di fronte ad una malattia che quest'anno si è presentata in una forma particolarmente severa», evidenzia il direttore generale dell'Asl Giuseppe Dal Ben

West Nile, a Padova 16 ricoverati: 10 sono gravi
4 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Agosto 2022, 16:09 - Ultimo aggiornamento: 16:47

Il virus West Nile continua a correre in Veneto. A Padova oggi, 26 agosto, sono salite a 16 le persone positive ricoverate e di queste 10 sono in gravi condizioni, ricoverate nei reparti ad alta intensità (rianimazioni e fisiopatologia respiratoria). Nei casi gravi infatti la malattia ha avuto effetti neurologici, richiedendo per i pazienti supporti alla ventilazione e presidi utili a mantenere i parametri nella norma, come spiega l'ospedale in una nota.

 

«Quest'anno il virus si presenta in forma grave »

«Siamo di fronte ad una malattia che quest'anno si è presentata in una forma particolarmente severa - evidenzia il direttore generale dell'azienda ospedale università di Padova, Giuseppe Dal Ben - La West Nile ha soppiantato, per numeri ed impegno, il Covid nei nostri reparti di terapia intensiva. L'assistenza a questi pazienti, alcuni dei quali rischiano la vita, come carico per la struttura ospedaliera non desta particolari preoccupazioni. Chiediamo alla popolazione di mantenere alta l'attenzione, osservando le norme di prudenza diramate dalla Regione Veneto e dalle istituzioni sanitarie».

A Padova 75 ospedalizzazioni e due morti per il virus 

Dal 13 luglio, giorno del primo ricovero per West Nile, sono stati curate nell'ospedale di Padova 75 pazienti: 46 uomini, 29 donne, per un'età media di 75 anni. Sono 31 i pazienti visti a livello ambulatoriale (con un'età media più bassa, pari a 46 anni), 44 invece hanno avuto bisogno di ricovero. Due i decessi. 

West Nile, a Padova ricoverati in terapia intensiva superano pazienti Covid: «Quest'anno virus dà problemi neurologici»

West Nile, la situazione in Italia

Secondo il bollettino di Sorveglianza delle Arbovirosi, emesso oggi dalla Direzione regionale PrevenzioneIn Veneto ammontano a un totale di 227 i casi di West Nile registrati, dei quali 123 di «semplice» febbre e 104 della forma neuroinvasiva. Il Report numero 7 indica anche 14 decessi, in persone dell'età media di 83,6 anni, per l'85,7% maschi.

Il bollettino precisa che la maggior parte delle persone infette non manifesta sintomi (80%). Le forme sintomatiche si manifestano con sintomi simil-influenzali lievi, febbre, cefalea, dolori muscolo-articolari, raramente accompagnati da rash cutaneo (febbre, Wnf). Meno dell'1% sviluppa una malattia neuroinvasiva, come meningite, encefalite o paralisi flaccida (malattia neuro-invasiva, Wnnd). l rischio di malattia neuroinvasiva aumenta con l'età ed è più elevato fra gli adulti di oltre 60 anni di età.

Il bollettino contiene anche i conteggi di altre virosi: la febbre Dengue fa registrare 16 casi, tutti provenienti da Paesi esteri (Brasile, Cuba, Kenya, Maldive, Sri Lanka Thailandia e Togo). Il Toscana Virus presenta 3 casi, tutti segnalati dalla provincia di Padova. Nessun caso, infine, di Chikungunya, Zika e Usutu. 

West Nile, «Attenzione alle zanzare e all'acqua stagna nei sottovasi: ecco 5 precauzioni da adottare in casa»

West Nile come si trasmette 

Il virus West Nile è trasmesso da zanzare che appartengono al genere Culex (specie C. pipiens), mentre come serbatoio di infezione sono state identificate oltre 70 specie di uccelli, soprattutto passeriformi e corvidi, dove il virus può persistere da alcuni giorni a qualche mese. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA