ULTIMA ORA

Variante inglese virus, Pregliasco: «Vaccino può essere aggiornato». Galli: «Si diffonde meglio, ma non farà più morti»

Domenica 20 Dicembre 2020
Variante inglese virus, Galli: «Potrebbe non essere più cattiva. Vaccino inefficace? Credo di no»

«La variante inglese del Sars-Cov-2 non dovrebbe sfuggire alla protezione della vaccinazione. Questo è dovuto al fatto che gli anticorpi promossi dal vaccino hanno un bersaglio su diversi punti della proteina spike che si trova sulla superfice del virus, quindi anche se qualche piccola parte della spike si modifica, viene comunque riconosciuta». A spiegarlo all'Ansa il virologo, Fabrizio Pregliasco. Nella peggiore delle ipotesi, comunque, «non sarebbe un dover ricominciare da zero con la sperimentazione ma fare un aggiornamento della composizione del vaccino, in modo simile a quanto avviene ogni anno con quello influenzale». 

Oggi, precisa Pregliasco, ricercatore Università degli Studi di Milano, «abbiamo una grande capacità di monitoraggio sistematico delle sequenze virali e possiamo osservare variazioni che prima non eravamo in grado di vedere». Questo ci ha permesso di individuare «oltre 12.000 piccolissime mutazioni genetiche del Sars-Cov-2 e oltre 12 mutazioni più importanti. In Italia abbiamo visto che circolavano il ceppo proveniente direttamente da Wuhan e quello passato dalla Germania, ma probabilmente anche altri».

Ciò è dovuto al fatto che questi virus non si replicano in modo preciso. Nel caso della variante inglese, ad esempio, spiega, «la variazione corrisponde a 23 nucleotidi del genoma e questo porta il virus ad aggredire meglio i recettori Ace 2, con migliore affinità». Le tante variazioni che ci sono state finora «non hanno inciso significativamente, ma quella inglese sappiamo che rende il virus del 70% più contagioso». In genere quando i virus mutano aumentando la capacità di diffusione, in parallelo provocano forme di malattia meno grave, ma «in questo caso non sembra che provochi una forma di malattia diversa dalle altre varianti», precisa. Di fatto, però, «ne sappiamo ancora poco, quindi in questa fase è giusta e necessaria la decisione dello stop ai voli dalla Gran Bretagna».

 

Galli: «Si diffonde meglio, ma non farà più morti»

«Sulla variante inglese del virus serve calma: potrebbe non essere più cattiva e forse è già passata». Comunque, anche se «il nuovo ceppo si diffonde più velocemente non significa che farù più morti. E i vaccini non crede che saranno inefficaci». Lo sostiene l'infettivologo Massimo Galliprimario dell'ospedale Sacco di Milano e docente all'università Statale del capoluogo lombardo all'Aria di domenica su La7«È chiaro che questa questione va meglio definita. Non abbiamo ancora una pubblicazione scientifica, abbiamo sintetici rapporti. D'accordo, stiamo attenti ma temo sia verosimile che Oltremanica ne sia passata un bel po'».

Covid, a Londra polizia schierata nelle stazioni e in strada per impedire l'esodo

«I vaccini già approvati o ancora in studio funzioneranno lo stesso in quanto i vaccini fanno produrre al nostro corpo anticorpi contro molte parti della proteina spike e la mutazione descritta riguarda solamente una piccola parte. Quindi no panic. Vigiliamo, studiamo e continuiamo con il piano vaccini». Lo assicura in un post su Facebook Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettive dell'Ospedale San Martino di Genova, parlando della nuova variante di coronavirus che si sta diffondendo in Inghilterra.

Variante inglese virus, Di Maio: «Sospesi i voli con la Gran Bretagna». Francia valuta anche stop a treni

«Si tratta di un virus mutato che è stato momentaneamente nominato VUI-202012/0**1. Sembra più contagioso ovvero che si trasmette più facilmente da un individuo all'altro, ma non più aggressivo o letale. Si tratta ovviamente di ipotesi che andranno confermate da studi ancora in corso. Questa variante sta circolando in maniera importante e frequente nel Sud-Est del Regno Unito - afferma - Ci sono state 17 mutazioni, la più significativa delle quali è la N501Y nella proteina spike che il virus usa per attaccarsi alle cellule umane. Questa mutazione come già detto lo renderebbe più facilmente diffusibile». L'infettivologo ricorda che «non è la prima mutazione che viene descritta nel mondo e non sarà neanche l'ultima, simili mutazioni erano già state descritte in Spagna e altri paesi. I virus mutano continuamente. È il loro modo di vivere: cambiare per sopravvivere. Non si può escludere che questa variante non stia già circolando anche in altri paesi incluso l'Italia. Occorrerà continuare a studiare il genoma virale dei ceppi di virus isolati nel nostro paese».

Vaccino, il professore di Oxford: «Questo virus muta troppe volte, il siero potrebbe non essere risolutivo»

 

 

Ultimo aggiornamento: 18:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA