Variante Delta, Burioni: «Serve oltre il 90% di vaccinati per una vera vittoria»

Variante Delta, Burioni: «Serve oltre il 90% di vaccinati per una vera vittoria»
2 Minuti di Lettura
Martedì 17 Agosto 2021, 12:11 - Ultimo aggiornamento: 12:25

Il virologo Roberto Burioni ha replicato su Twitter allo scienziato Usa Eric Topol che, postando il grafico dell'impennata dei contagi registrati in Israele con la variante Delta aveva commentato: «Non doveva andare così. I casi sono scesi a zero a giugno dopo una delle campagne di vaccinazione più aggressive al mondo, poi è arrivata Delta». Burioni ha puntualizzato che per poter affrontare e arginare in modo sistematico la diffusione del Covid occorre «raggiungere oltre il 90% di vaccinati».

Per Burioni «il quadro attuale non sorprende» perché in realtà, sottolinea il virologo, «gli israeliani completamente vaccinati sono meno del 60%». In Israele «hanno iniziato in modo molto aggressivo (la campagna vaccinale, ndr) ma lasciando più del 40% della popolazione suscettibile con una variante contagiosa come Delta».

Idati in Israele

Oltre 8mila (8.646) nuove infezioni nelle ultime 24 ore in Israele: un record negli ultimi 6 mesi, ovvero da febbraio scorso. Lo indicano i dati diffusi dal ministero della sanità che registrano su circa 143mila tamponi un tasso di morbilità al 6.2%, anche questo un record. Sempre in leggera flessione - secondo gli stessi dati - i malati gravi anche se i casi attivi restano oltre 50 mila. Ad oggi sono oltre 1 milione gli israeliani che si sono vaccinati con la terza dose la cui campagna di immunizzazione procede in modo accelerato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA