Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaiolo delle scimmie, nove morti in Congo nel 2022. Primo decesso anche in Nigeria

La persistenza della malattia in Congo è dovuta al consumo di scimmie e roditori morti

Vaiolo delle scimmie, nove morti in Congo nel 2022. Primo decesso anche in Nigeria
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 17:15

L'Oms avverte sulla pericolosità del vaiolo delle scimmie. L'estate «può amplificare l'epidemia» ha detto Hans Kluge, direttore regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per l'Europa. In Africa, invece, il virus è da tempo endemico e miete vittime ogni anno. In Nigeria le autorità sanitarie hanno segnalato il primo decesso dell'anno. «La morte è stata segnalata in un paziente di 40 anni che aveva una comorbilità sottostante ed era in trattamento con farmaci immunosoppressori», si legge. Nel Paese non c'è un focolaio della malattia dal 2017, quest'anno sono stati confermati 21 casi su 66 sospetti.

Vaiolo delle scimmie, niente sesso fino alla scomparsa dei sintomi e Ffp3 per i sanitari: le linee guida anti contagio

Nove morti in Congo

Più grave la situazione in Congo, dove i morti dovuti al vaiolo delle scimmie sono già 9 nel 2022. Il dottor Aime Alongo, capo della divisione sanitaria di Sankuru in Congo, ha dichiarato lunedì 29 maggio che 465 casi di malattia sono stati confermati nella nazione, rendendola una delle più colpite nell'Africa occidentale e centrale, dove la malattia è endemica. La persistenza della malattia in Congo è dovuta al consumo di scimmie e roditori morti che i residenti raccolgono nella foresta, ha detto il dottor Alongo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA