Il vaccino provoca impotenza? Gallavotti a DiMartedì: «È il Covid a creare problemi»

Il vaccino provoca impotenza? Gallavotti a DiMartedì: «È il Covid a creare problemi»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Settembre 2021, 14:36 - Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 10:23

I vaccini possono interferire con la gravidanza e con l'attività sessuale? A rispondere è la biologa Barbara Gallavotti nel suo consueto approfondimento scientifico a DiMartedì su La7. La biologa ha voluto smentire  le numerose fake news che girano attorno al mondo dei vaccini. «Ciò che realmente può interferire con l'attività sessuale non sono i vaccini, ma la malattia del Covid». Per dimostrare questa tesi la Gallavotti ha citato una ricerca che ha analizzato il numero di spermatozoi prima e dopo aver ricevuto il vaccino: «I risultati di questa ricerca non hanno rilevato nessuna differenza nel numero di spermatozoi». 

Variante R.1, dal Giappone agli Stati Uniti spunta la nuova mutazione: «Maggiore resistenza agli anticorpi»

Il Covid crea problemi al funzionamento dell'organo maschile

«La malattia invece sembra poter causare problemi nel funzionamento dell'organo maschile perché per funzionare al meglio ha bisogno di una corretta circolazione del sistema sanguigno e sappiamo che purtroppo il Covid interferisce con la salute dei vasi sanguigni», ha sottolineato la biologo. 

Galli furioso a Cartabianca contro due medici no vax: «Pozzo di ignoranza, non hanno mai curato nessuno»

Gravidanza e ciclo mestruale

Per quel che riguarda le donne e il ciclo mestruale è stato avanzato il sospetto che il vaccino potesse alterarne la durata, ma anche in questo caso è la scienza a smentire questa tesi. «È stato fatto un piccolo studio su un campione di donne. Alcune di loro hanno dichiarato di aver osservato un'alterazione della durata del ciclo, un evento che temporaneo e di breve durata che gli esperti credono sia collegato a un eccesso di stress, che è nettamente superiore nel caso della malattia». «Sulla gravidanza - ha concluso la biologa - i vaccini a mRna si sono dimostrati estremamente sicuri, anche in fase di allattamento. Al contrario il Covid in gravidanza espone un rischio più altro rispetto a donne che non lo sono».

© RIPRODUZIONE RISERVATA