Vaccino, Moderna più efficace di Pfizer contro i ricoveri (Johnson&Johnson solo terzo)

Vaccino, Moderna più efficace di Pfizer contro i ricoveri (Johnson&Johnson solo terzo)
di Simone Pierini
5 Minuti di Lettura
Sabato 18 Settembre 2021, 09:58 - Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 17:24

Moderna è il vaccino che garantisce protezione maggiore. Ed è anche superiore a Pfizer. A sancire la performance migliore del farmaco a mRna americano è uno studio del Cdc (il Centers for Disease Control) su dati reali, ovvero sulla popolazione. Al terzo posto invece si piazza Janssen, il vaccino prodotto da Johnson & Johnson. Ma l'agenzia nazionale per la protezione della salute americana ribadisce che tutti e tre i vaccini offrono una protezione ampia contro il ricovero e il decesso e invita i cittadini a ricevere il primo utile a loro disposizione. Ma tra loro mostrano delle differenze. 

Covid, ecco i Paesi che ripartono (grazie a vaccini): dalla Danimarca al Cile, ma c'è chi rischia

Moderna più di Pfizer, i dati del Cdc

Il vaccino Pfizer ha fornito una protezione dell'88% contro il ricovero in ospedale mentre quello di Moderna ha raggiunto il 93%. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno condotto uno studio nazionale sulla vaccinazione che ha coinvolto oltre 3.600 adulti ricoverati per Covid-19 tra marzo e agosto. «Tra gli adulti statunitensi senza condizioni di immunocompromissione, l'efficacia del vaccino contro il ricovero per Covid dall'11 marzo al 15 agosto 2021 è stata maggiore per il vaccino Moderna (93%) rispetto al vaccino Pfizer-BioNTech (88%) e al vaccino Janssen (71%)», ha scritto il team nel rapporto settimanale del CDC su morte e malattia. «Sebbene questi dati del mondo reale suggeriscano alcune variazioni nei livelli di protezione del vaccino, tutti i vaccini anti Covid approvati o autorizzati dalla Fda forniscono una protezione sostanziale contro il ricovero in ospedale».

Perché Moderna è superiore a Pfizer

Analizzando i dati il Cdc ha rilevato che la più grande differenza tra il vaccino Moderna e Pfizer/BioNtech è stata determinata da un calo della copertura del secondo iniziato circa quattro mesi dopo che le persone avevano ricevuto entrambe le dosi. «Le differenze nell'efficacia del vaccino tra il vaccino Moderna e Pfizer-BioNTech potrebbero essere dovute a un maggiore contenuto di mRNA nel vaccino Moderna, a differenze nei tempi tra le dosi (3 settimane per Pfizer-BioNTech contro 4 settimane per Moderna) o a possibili differenze tra i gruppi che hanno ricevuto il vaccino e che non sono state prese in considerazione nell'analisi», ha scritto il team. «L'efficacia del vaccino per il vaccino Pfizer-BioNTech era del 91% dai 14 ai 120 giorni di distanza dal ricevimento della seconda dose ma è diminuita significativamente al 77% oltre questo periodo», ha aggiunto il team.

No-vax, allarme dei virologi: «Ecco in 2 due anni cosa potrebbe accadere ai non vaccinati»

Le differenze con Johnson&Johnson

I vaccini di Pfizer e Moderna utilizzano entrambi la tecnologia a Rna messaggero per fornire l'immunità, ma con formulazioni leggermente diverse. Il vaccino Janssen si affida invece a un virus del raffreddore comune inattivato chiamato adenovirus - a vettore virale - per trasportare istruzioni genetiche nel corpo. «Una singola dose del vaccino a vettore virale Janssen ha avuto una risposta anticorpale anti-SARS-CoV-2 relativamente più bassa e un'efficacia del vaccino contro i ricoveri», ha affermato il team. «Comprendere le differenze nell'efficacia del vaccino  può guidare le scelte individuali e le raccomandazioni politiche relative ai richiami. Tutti i vaccini Covid approvati o autorizzati dalla FDA forniscono una protezione sostanziale contro il ricovero in ospedale».

Pfizer, terza dose solo per over 65: la decisione della Fda. Colpo per Biden

Le conclusioni

Il Cdc ha lavorato con ricercatori di tutto il Paese per studiare 3.689 pazienti in 21 ospedali di 18 Stati. Sono stati esaminati anche gli anticorpi nel sangue di 100 volontari sani (non ricoverati) vaccinati con uno dei tre vaccini disponibili. «Questi dati del mondo reale suggeriscono che i vaccini a mRna a due dosi Moderna e Pfizer-BioNTech forniscono una protezione maggiore rispetto a quello a vettore virale Janssen a una dose. Sebbene il vaccino Janssen abbia avuto un'efficacia vaccinale osservata inferiore, una singola ha comunque ridotto del 71% il rischio di ospedalizzazione associata a Covid», si legge ancora nel rapporto. Lo studio presenta comunque dei limiti. «Questa analisi non ha preso in considerazione i bambini, gli adulti immunocompromessi o l'efficacia del vaccino contro il Covid che non ha comportato il ricovero in ospedale», ha concluse il team. Inoltre, i volontari sono stati seguiti solo per 29 settimane, poco più di sei mesi.

Simone Pierini

© RIPRODUZIONE RISERVATA